In un universo parallelo

multiverse2

 

Nel frattempo, in un universo parallelo……..
…….sono passati ormai 45 giorni dalle elezioni e di un governo neanche l’ombra.
Il Paese è sul baratro della crisi economico-sociale e sul piede di una guerra civile.

Il “non-vincitore”, Berlusconi, ha superato il suo avversario, Bersani, per una manciata di voti, pari allo 0,3%, alla Camera, senza poi riuscire a conquistare il Senato.
Di fatto, si è creata una condizione di ingovernabilità che richiederebbe un forte senso di responsabilità.
Intanto, si mobilitano i primi segugi e in edicola si possono acquistare istant-book e dvd che raccontano di come il Cavaliere abbia beffato il centrosinistra solo grazie ai brogli.
Una delegazione di parlamentari del PD chiede il riconteggio delle schede e prepara un nuovo “No Cav Day”!

Vista la palese instabilità politica, la soluzione prospettata da tutti gli analisti politici è quella di un accordo tra i due maggiori partiti: un governissimo, insomma. O almeno un governo di scopo.
Pochi punti su cui legiferare in fretta per dare un po’ di respiro ad imprese e lavoratori. Un nuovo sistema di voto e poi, via…tutti a nuove elezioni.
Berlusconi però è ostinato e non vuol sentire parlare di “inciuci” col nemico.
Dopo i primi contatti e le snervanti consultazioni del Capo dello Stato, è emersa chiaramente l’arroganza dell’ex premier, che si dice indisponibile ad una grande coalizione e vorrebbe, al contrario, che gli facessero formare un governo a prescindere.

Tra gli increduli italiani comincia a serpeggiare un certo nervosismo e i sondaggi parlano chiaro: se si tornasse ad elezioni, Berlusconi perderebbe e il PD diventerebbe il primo partito.
Diversi intervistati, come testimoniato nei collegamenti “con la gente” a Ballarò e a Piazza Pulita, ritengono che Bersani si sarebbe comportato diversamente, perchè lui l’ha sempre detto “governeremo come se avessimo il 49%”…e quindi, avendo preso il 30% sarebbe stato certamente più responsabile e a quest’ora avremmo già un governo di larghe intese, nell’interesse del Paese, ovviamente!
A pesare sul voto, poi, ci sarebbero anche le ultime vicende riguardanti la banca del partito: il Monte dei Paschi, sempre più in balia della magistratura che sta rumorosamente accertando le collusioni tra i vertici del PdL e il disastro finanziario dell’ultrasecolare istituto di credito.
Davanti a certe evidenze c’è chi intima, giustamente, le immediate dimissioni del Cavaliere.

Anche nel movimento, Berlusconi è sempre più solo: il PdL è frantumato. Si fanno sotto i rottamatori che chiedono un cambio di rotta (oltre che di leader), ovvero un accordo col centrosinistra!
E’ l’ennesima dimostrazione di come sarebbe impossibile governare in queste condizioni.
Il Caimano però non si rassegna e rilancia, chiamando tutti a Roma per una grande manifestazione “Contro la povertà”!

Gli sfottò arrivano dal web e da tutto il mondo.
La credibilità internazionale dell’Italia sta tornando ai minimi.
E tutto per colpa di un anziano signore testardo e assetato di potere.

Queste le prime pagine dei giornali
“L’Italia ostaggio del Caimano” (Repubblica)
“Il Cainano sta facendo fallire il Paese” (il Fatto Quotidiano)
“Berlusconi vattene” (l’Unità)
“Fate ancora più presto” (il Sole 24 Ore)

Anche il Presidente della Repubblica, seppur vicino a Berlusconi, si è deciso a togliere il preincarico all’ex Presidente del Consiglio e provare a dare un governo al Paese.
Il Parlamento attende di potersi mettere a lavoro: prima chiamata, l’elezione del nuovo Capo dello Stato.
Dopo gli ultimi 5 Presidenti orientati a destra, sarebbe la volta di un Presidente progressista che possa piacere anche al centrosinistra.
Ma Berlusconi ha già dichiarato che non sarà così: ha già preteso di nominare i suoi Presidenti di Camera e Senato (Santanchè e Elio Vito).

E’ la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
La gente grida al “golpe!” e c’è una profonda sfiducia nella classe politica in generale e in quella dirigente del PdL in particolare.
L’opinione pubblica ha ormai chiaro il problema e tutti si rendono conto di quanto sia insopportabile l’atteggiamento di chi ha perso le elezioni e vuol comunque imporre la propria linea.

Questo però…….come si diceva……….in un universo parallelo.
Sob!

Comments
55 Responses to “In un universo parallelo”
  1. Anonimo scrive:

    In un universo parallelo forse esiste un Berlusconi onesto e magari non esiste il PDL, il popolo dei leccaculo, dei delinquenti e delle puttane che hanno mandato al macero l’Italia.

  2. ....... scrive:

    Io che non sbaglio mai, ho anche io fatto un errore, oltre a non avere usato la brillantina linetti, pensavo di aver votato un partito, invece era un tri-partito che ormai sarebbe meglio chiamare dipartito.
    L’ho votato perché sembrava ricco di dialettica interna, democratico appunto e non come quello di Berlusconi che compatto ha votato per Ruby nipote di Bubarak… e continua a votare compatto su qualsiasi cosa il capo chieda.

    Non era comunque dialettica, era anarchia! Dovrò trovarmi un altro partito, io che di parte non sono..

    Cmq il mio ex-partito, che non era un partito, ma un tri-partito, ormai defunto e dipartito.. nonostante questi “ito” si è dimostrato il più attivo e determinato, fino adesso è l’unico che abbia fatto qualcosa. Ha determinato la sconfitta di Marini e anche quella di Prodi… ha fatto tutto da solo…non c’è che dire quello che vuole l’ottiene, l’eutanasia tra l’altro in politica mi pare non sia proibita.

  3. Jo scrive:

    e il PD ha fatto BOOOM!!!

  4. cesare scrive:

    ” insomma metterei tutta la mia energia nel garantirmi un Presidente della Repubblica per i prossimi 7 anni… che è l’unica cosa sicura e duratura che puo’ uscire fuori e che uscirà fuori da questa incasinata situazione politica. ”
    Ogni tanto Sympatros la pensa come me…e sono le uniche volte in cui non dice scemenze.

  5. cesare scrive:

    Grazie Santoro

  6. Santoro scrive:

    … è saltato:

    La Germania non cresce più dell’Italia o della Francia solo perché ha un debito pubblico DELL’82% DEL PIL: quante altre cose incidono che da noi invece non si riesce a fare?

  7. Santoro scrive:

    Caro cesare, non c’è rapporto univoco tra debito pubblico e crescita. Incidono tanti altri fattori già indicati dalle teorie economiche ed anche dal buon senso.

    La Germania non cresce più dell’Italia o della Francia solo perché ha un debito pubblico: quante altre cose incidono che da noi invece non si riesce a fare?

    Ha ragione il FMI, allentiamo l’austerità.

    E, dico da sempre, facciamo diventare la BCE una vera banca centrale. Rodotà si dice che parli bene l’inglese, si faccia capire in Europa. Ormai Napolitano insegna, il PdR può intervenire senza per questo esorbitare dai poteri costituzionali.

    Anche se ora ci penserà il governo-inciucio tra PD e grillisti, ovvero i programmi di decrescita felice, per cui il debito pubblico rimarrà tale e quale ed in compenso avremo la decrescita, felice o infelice che sia.

  8. Nick scrive:

    Ma si può essere masochisti fino a questo punto?
    Per me è semplice. Bersani non vuole andare a elezioni con Renzi, che stravincerebbe le primarie.
    Perchè Renzi spazzerebbe via la classe dirigente del partito.
    Cioè per Bersani, Fassina, Orfini, e altri, il passo indietro che Renzi ha fatto è una cosa inconcepibile. E’ una cosa che loro non vogliono fare.

    No, non si tratta di strategia.
    Si sta in questo momento decidendo se sostenere Marini ancora alla quarta votazione.

    Questo è invece il comportamento di un perdente
    http://www.la7.it/invasionibarbariche/pvideo-stream?id=i657000

  9. cesare scrive:

    http://temi.repubblica.it/micromega-online/dottrina-del-rigore-addio/#.UW__1O5vjcM.facebook
    SAntoro, questo articolo dice le solite cazzate tipiche di Micromega o e’ sensato secondo te?

  10. Anonimo scrive:

    IL voi e’ riferito a Bersani e d’alema chiaramente, i garanti del berlusconismo piu’ schifoso

  11. Anonimo scrive:

    “Bene ce l’abbiamo fatta… sono curioso di sentire cosa ha da dire Bersani.. quali spiegazioni porterà, se ne ha!”

    Finalmente Bersani e D’Alema stanno sprofondando nello schifo nero del berlusconismo che hanno sempre appoggiato e che hanno fatto finta di combattere. Marini? Ma andatevene a fanculo voi , il nano e tutta la sua cricca di puttane e delinquenti.

  12. ....... scrive:

    Bene ce l’abbiamo fatta… sono curioso di sentire cosa ha da dire Bersani.. quali spiegazioni porterà, se ne ha!

  13. Sagra scrive:

    Per Cesaronzo, incredulo stronzo.

    Ma vai a cagare…

  14. cesare scrive:

    Sagra se tuo figlio fa le ore che dici che fa non guadagna meno di mille al mese, quindi vedi di non farti prender per il culo.

  15. cesare scrive:

    “Mio figlio si considera fortunato, perché guadagna qualcosa. ”
    Ma non insistere con le cazzate!

  16. ....... scrive:

    Se Bersani ha proposto Marini perché sa che non ce la puo’ fare e gli serve solo per dire ..io il tentativo l’ho fatto, non si puo’ dire che non abbia ricercato le più larghe convergenze… se è così transeat, se invece non è così Bersani, che io ho votato, e parte del Pd dimostrano di essere ricattabili da parte di Berlusconi…. per es. non è solo fantascienza che su Monti de’ Paschi potrebbe avere dossier ecc.

  17. Anonimo scrive:

    Gli ultimi sondaggi danno D’Alema al Quirinale. Il culo flaccido nel caso dormirebbe sonni tranquilli visto che e’ uno degli uomini che gli ha salvato il culo negli ultimi 20 anni.Gli italiani cosi’ vedrebbero al Quirinale il manifesto della classe politica che si e’ mangiato l’Italia in 20 anni di berlusconismo.

  18. Sagra scrive:

    Per Cesaronzo, raccomandato stronzo.

    “…Ma non dire cazzate, Sagra!
    Non esiste un odontoiatra che LAVORA e che guadagni cosi’ poco. La smetti di prederti per il culo?…”

    Solo un raccomandato ignorante e bestia, che ha fatto carriera col buco del culo della sorella, può parlare così.

    Mio figlio si considera fortunato, perché guadagna qualcosa. Altri suoi colleghi coetanei guadagnano anche meno, oppure neanche quello, perché essendo già specializzati, non accedono neanche allo stipendio che hanno invece i medici. E fanno servizio al Policlinico gratuitamente.
    Piantala di sparare cazzate berlusconiane anche sulle cose serie, emerita testa di cazzo.

    Anche la tua stronzaggine dovrebbe avere un limite!

  19. cesare scrive:

    “Mio figlio fa l’odontoiatra. Ha 27 anni, lavora anche 10 ore al giorno in almeno 4 posti diversi ed è contento quando porta a casa 4-500 euro al mese.”
    Ma non dire cazzate, Sagra!
    Non esiste un odontoiatra che LAVORA e che guadagni cosi’ poco. La smetti di prederti per il culo?

  20. Santoro scrive:

    interessante sta storia di Groupon, ma sono treccartari, liberi di darti la fregatura, e tu libero di farti fregare. Finché non ci caschi è tutto oro che luccica.

    Se c’era al governo Bersani che ha fatto le lenzuolate per colpire gli Ordini e far entrare le coop a vendere le aspirine, non succedeva, ora ci penserà lui e Grillo a far guadagnare a tuo figlio quanto la Minetti. Sempre che riescano a discostarsi dai provvedimento di Monti e Fornero. e dalle pretese della Merkel.

    In ogni modo, a tuo figlio tutta la comprensione ma a te che ragioni così, no.

  21. Sagra scrive:

    Rispondo a Caruso.

    Tempo fa rileggevo la Storia di Montanelli, e mi tornò alla mente la caduta dell’Impero Romano d’Occidente. Per analogia mi sovvenne la caduta del Muro di Berlino e la sostanziale scomparsa di una ideologia di sinistra, legata alle varie espressioni di un Socialismo operaio e contadino.

    La caduta dell’ideologia socialista produsse a cascata, il deperimento dell’ideologia cattolica e diede fiato ad un ideale di ultraliberismo, incarnato in Italia da Silvio Berlusconi.

    Ovviamente l’ultraliberismo di Berlusconi parossistico si racchiudeva nel motto “tutto a me e niente a chi mi vuole male”, dove chi gli voleva male era chiunque gli impedisse di fare i cazzi suoi. I risultati sono sotto gli occhi di tutti. Paradossalmente Silvio raccoglie ancora intorno a se chiunque abbia la necessità di sentire salvaguardata la necessità che la nave bene o male galleggi e che nulla cambi. Le prospettive per i giovani sono nere e nel novero dei giovani comprendo con amarezza anche molti precari con moglie e figli che hanno ormai 40 anni.

    Mio figlio fa l’odontoiatra. Ha 27 anni, lavora anche 10 ore al giorno in almeno 4 posti diversi ed è contento quando porta a casa 4-500 euro al mese. Ha studiato 6 anni come un pazzo, fuori sede; e vede con malinconia le offerte su Groupon di servizi dentali a 20 euro.
    L’ho avvisato che se gli va bene, andrà in pensione ad 85 anni.
    Per questi considero giovincelli i precari di 40 anni.

    Non riesco a credere che tutto questo possa essere colpa di quello stronzo di Berlusconi.
    Ma l’igienista dentale Nicole Minetti ha guadagnato per 4 anni quello che mio figlio forse non guadagnerà neanche in 10, al massimo della sua carriera. E le olgettine prendono una “pensione” di 2.500 euro al mese, almeno fin quando terranno la bocca chiusa e la fica aperta.
    La prima operazione di brillante economia fu all’esordio dell’ultimo trionfale governo Berlusconi: l’Alitalia che doveva restare italiana. 5 miliardi di euro buttati nel cesso. Soldi nostri.
    Sul resto ti faccio grazia…

    Questa è l’Italia che ci ha lasciato Silvio Berlusconi.

    Continua a sognare mondi paralleli…

  22. Sagra scrive:

    per Cesaronzo, comico stronzo.

    “…la tua non fa ridere, anonimo scemo…”

    E’ sempre molto difficile ridere davanti ad uno stronzo puzzolente come te.
    Al più ci si lascia andare con qualche commento sferzante su chi ce ne ha fatto dono, rifuggendo dalla giusta e civile operazione fisiologica di espellerti nella tazza del cesso e tirare giù lo sciacquone; come fanno tutti i giusti che la mattina guardano con soddisfazione gli avanzi del lo ciclo nutrizionale.

    Il problema non è lo stronzo.
    Il problema è lo stronzo che scrive stronzate su questo blog.

    Tu dovresti scrivere in un apposito blog porcellanato, con tanto di tarallo e coperchio.

    Invece, quando scrivi tu, sentiamo immediatamente puzza di merda.
    E ci passa la voglia di ridere…

  23. Anonimo scrive:

    Alla fine e’ sempre la stessa storia , quella che per 20 anni ha fatto galleggiare puttane delinquenti e servi alle spalle dei contribuenti. Bisogna eleggere un presidente della repubblica che consenta l’ennesimo salvataggio del culo flaccido . W l’Italia davvero.

  24. Nick scrive:

    Mi spiace dirlo, ma a mio parere l’inciucio è servito.
    Solo un miracolo ci può aiutare a questo punto.
    Intanto si eleggerà un presidente non inviso a Berlusconi. E poi, una volta eletto questo presidente, dopo un mese di stallo, arriverà il governo tecnico Bersani-Berlusconi.
    La prova dell’inciucio è nel fatto che il PD non indica nessun nome che sia sgradito a Berlusconi e che possa incontrare il consenso dei 5 stelle e di Scelta Civica.
    Il presidente va scelto tenendo conto del consenso di tutte le forze politiche. Benissimo , Romano Prodi, se piacesse al Pd, potrebbe essere un ottimo candidato, essendo visto bene da Scelta Civica . e anche dai 5 stelle.
    Chi lo propone Prodi? Prodi lo propone Renzi. E’ il candidato preferito dai renziani , E a questo punto si capisce bene anche chi ha detto a Bersani o a altri di fare quella telefonata della quale si parla e che ha fatto sì che Renzi non può eleggere il PdR.
    Prodi è avversato dai bersaniani e dai “giovani turchi” e lo dicono pure.
    In 120 hanno presentato un documento dove dicono che non voteranno Prodi.

    Si può eleggere Prodi e fare un governo Berlusconi che governa fino a settembre come vorrebbe Renzi? Se Berlusconi è responsabile si. Le cose da fare delle quali Berlusconi proclama l’urgenza non hanno nulla a che vedere con il fatto che si deve tenere presente l’opinione anche del m5s , e che Prodi è un ottimo candidato che gode di stima e ammirazione anche all’estero.
    Prodi può aiutarci a negoziare i patti con l’europa, avendolo fatto in passato.
    Berlusconi ha un candidato migliore che piace anche ai 5 stelle e a Monti? E comunque che c’entra? .
    La cosa assurda è che Bersani per liberarsi di Renzi ha deciso di regalare il presidente della Repubblica a Berlusconi .
    Se me lo dicevano prima non ci credevo che si potesse essere masochisti fino a questo punto!

    Spero di sbagliarmi, ma lo vedremo presto. Prodi è quello che potrebbe avvicinare le elezioni .
    Le quali sarebbero la cosa migliore chiunque vinca.
    E ci sono buone probabilità che vinca Renzi.se si va al voto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: