I macabri Radicali Italiani.

Con la solita virulenza delle notizie sulla rete, anche il video sulla “dolce morte” proposto dai Radicali Italiani e promosso dall’Associazione Luca Coscioni si sta imponendo all’attenzione degli italiani cui è indirizzato. In 46 secondi il “perchè” di una scelta definitiva ed una richiesta finale: il governo ascolti la maggioranza del Paese che, secondo un … Continua a leggere

Le ambiguità di Napolitano e il becerume di Di Pietro.

Vado subito al sodo: sono decisamente incuriosito dall’atteggiamento di Napolitano. Oggi si dice quasi obbligato a firmare il decreto anticrisi contenente il tanto osteggiato scudo fiscale, mentre quando si trattava di mantenere in vita Eluana Englaro non ci pensò molto su e rispedì al mittente, cioè il governo, il decreto appena licenziato dall’esecutivo. Le motivazioni … Continua a leggere

Napolitano bifronte.

Qualcosa non torna! Leggete qua: Precisazione sulla leale collaborazione istituzionale tra Governo e Presidenza della Repubblica in materia di decreti-legge. E’ opportuno puntualizzare il carattere della consultazione informale intervenuta, secondo una prassi consolidata, tra il Governo e la Presidenza della Repubblica in ordine allo schema di decreto-legge in materia di sicurezza pubblica, poi approvato dal … Continua a leggere

Bentornato Beppino.

E noi che pensavamo di aver esagerato e che fosse giusto lasciarla un po’ in pace, in silenzio, come aveva chiesto… Comunque è un vero piacere riaverla tra noi: non ce l’aspettavamo, sinceramente. Personalmente la credevo distrutta dal suo dolore. Insomma, lei ha condotto una battaglia stremante per ottenere il riconoscimento di un diritto alla … Continua a leggere

Fatemi morire, ma come dico io.

Eppure dovrebbe esser così semplice: se son cosciente decido io. Se sono incapace decido comunque i per mezzo di mie volontà scritte e firmate da me medesimo; se invece non sono in grado di decidere nè ho deciso, nessuno mi tocchi perchè nessuno può conoscere le mie volontà, nè può presumerle perchè spesso le certezze … Continua a leggere

Silenzio! C’è il Grande Fratello.

Ebbene, gli italiani hanno deciso ascoltare chi gli chiedeva di non parlar più di Eluana, perchè quella era la migliore forma di rispetto nei confronti del dolore di quella ragazza/donna e della sua famiglia. Sarà stato per questo che, dopo la notizia della sua morte, quasi NOVE MILIONI di italiani hanno scelto di non ammorbarsi … Continua a leggere

Una lezione importante.

Ormai è spirata e non c’è più niente da fare. Ma non chiedeteci di restare in silenzio, perchè è nel silenzio che le menti si chiudono e si atrofizzano. E’ stato molto importante, invece, avere per settimane un motivo così alto per discutere, argomentare, credere e ricredersi…per imparare. Una cosa è il rispetto, tutt’altro il … Continua a leggere

Perchè?

Eluana si è spenta. Di colpo, sorprendendoci tutti. Cos’è successo? Perchè in soli tre giorni si è compiuto ciò che in tanti si attendevano potesse accadere in più di una settimana? Cos’è successo? Dio accolga la sua anima, ma sia l’uomo a dare le risposte che a questo punto è legittimo aspettarsi. Cosa è successo?

Non può bastare un po’ di morfina per mettere a tacere le coscienze.

Eluana non ha deciso di morire. Altri hanno deciso per lei. L’hanno fatto convinti che quella potesse essere anche la sua scelta. Ma come potevano sapere che Eluana avrebbe voluto morire di fame e di sete?! Ormai non importa: qualcuno ha decretato che in qualunque caso Eluana non avrebbe voluto continuare a vivere in quelle … Continua a leggere

Berlusconi è veramente impazzito?

Sulla gestione politica del “caso Englaro” sono sempre stato molto critico con governo e maggioranza: contro ogni istinto che premeva affinchè mi rallegrassi dei tentativi di interrompere la sentenza di morte di Eluana, ho sempre sostenuto una posizione “laica”, dicendo che se qualcosa poteva esser fatta DOVEVA esser fatta prima, per colmare quel vuoto legislativo … Continua a leggere

Napolitano non firma! Berlusconi: “in parlamento ad horas”!

Entusiasmante questo scontro istituzionale. Berlusconi è letteralmente scatenato…e onestamente non me l’aspettavo perchè aveva sempre dichiarato di non volersi intromettere in questioni così delicate. E invece…è quasi debordante. Ha fatto varare un decreto dal suo CdM pur sapendo che Napolitano non lo avrebbe controfirmato. Così è stato. Ma il Cav ha calato l’asso della convocazione … Continua a leggere

Approvato il decreto, il governo in soccorso di Eluana.

Adesso la palla rimbalzerà a Napolitano, che però aveva preannunciato la sua opposizione alla via del decreto legge per la soluzione di un caso così controverso e per il quale aveva invece chiesto la più ampia e pacifica convergenza parlamentare. Niente da fare: il governo ha tirato dritto, convinto di “essere nel giusto”. A questo … Continua a leggere

Decreto salva-Eluana.

UPDATE: questo post è stato citato su Repubblica.it In attesa dell’approvazione di una completa e organica disciplina legislativa in materia di fine vita l’alimentazione e l’idratazione, in quanto forme di sostegno vitale e fisiologicamente finalizzate ad alleviare le sofferenze, non possono in alcun caso essere rifiutate dai soggetti interessati o sospese da chi assiste soggetti … Continua a leggere

Basta!

C’è una sentenza, c’è la fortissima volontà del padre di assecondare le volontà (presunte) della figlia, ma soprattutto non c’è nessuna legge in grado di colmare quel vuoto legislativo in cui si è inserita la magistratura e tale da evitare le conseguenze della decisione adottata dai giudici. Se c’era qualcosa da poter fare si doveva … Continua a leggere

Eluana non voleva morire. Ma papà Englaro ha deciso il contrario.

La notizia è sconvolgente, comunque la pensiate. Non la tiro troppo per le lunghe: si tratta di una lettera che Pietro Crisafulli ha inviato a TGCOM in cui racconta i motivi (veri o presunti tali) per cui Beppino Englaro si sarebbe deciso a battersi affinchè alla figlia sia staccato il sondino che la mantiene in … Continua a leggere

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!