Unica soluzione: tornare a lavorare!

Guardo i risultati delle elezioni americane e penso: chissà se Berlusconi saprà trarne un qualche insegnamento… Il messaggio di un popolo alle urne nei confronti di chi lo governa è sempre inequivocabile: la fiducia che le promesse si trasformino nelle realtà sperata non è eterna e chi non lavora per il Paese viene punito. Nel … Continua a leggere

E le riforme?

Eh già…ma se come in tanti cominciano a suggerire a Berlusconi si tornasse alle urne, le riforme chi le fa? E soprattutto: quando le fa? Forse è il caso che il Cavaliere lasci perdere certi consigli e certi consiglieri! Andare ad elezioni anticipate sarebbe un fallimento. E questo anche perchè, sarebbe bene ricordarlo a chi … Continua a leggere

L’antimafia molle di Marco Travaglio.

“Se non saranno l’Asinara e Pianosa studieremo altre soluzioni“. Così Roberto Maroni e Stefania Prestigiacomo sulla possibilità che vengano riaperti i carceri di massima sicurezza di Toscana e Sardegna, che tanti malumori aveva sollevato nelle associazioni ambientaliste e tra quelli che consideravano eccessivamente onerosa un’operazione del genere. Evidentemente, però, l’annuncio non dev’essere comunque piaciuto a … Continua a leggere

Ritorno al nucleare.

Inghilterra, Francia, Svizzera, Russia, Finlandia, Ucraina, Romania, Stati Uniti. Se vi dicessi che anche in questi paesi hanno in programma o hanno già avviato la costruzione di nuove (plurale per ogni Stato) centrali nucleari, prenderete ancora sul serio quelli che vi dicono che ormai il nucleare è stato abbandonato praticamente da tutto il mondo? Se … Continua a leggere

Sondaggi (di Repubblica) e realtà: due cose diverse.

Leggo su Repubblica che il governo è in perdita di consensi e che l’opposizione è magicamente esplosa, accreditata di un incredibile (nel senso di non-credibile) 33%; non solo: il ministro che più soffrirebbe la disaffezione dei cittadini italiani sarebbe quello degli Interni, Roberto Maroni. Ebbene: non ci credo! Non ci credo non solo perchè ormai … Continua a leggere

Elezioni anticipate dopo il referendum? Perchè si, ma soprattutto perchè no.

No, non mi riferisco alle (im)possibili conseguenze del divorzio tra i coniugi Berlusconi, ma molto più concretamente al domino che potrebbe innescarsi con una vittoria del SI ai quesiti referendari che andrebbero così a modificare la legge elettorale in vigore. Alcuni ipotizzano appunto un ritorno alle urne. Ma a che prezzo? Berlusconi avrebbe certamente un’occasione … Continua a leggere

Strumentalizzazioni.

Dunque, telegraficamente. Il PD, con Veltroni capofila, ha deciso di scendere in piazza in difesa della Costituzione. Non si tocca. E solidarietà a Napolitano, che il Cavaliere vuol trattare come un passacarte. Viva il Presidente della Repubblica. Ma soprattutto: “Berlusconi può scordarsi il Quirinale”. Ora, qualcuno, per favore, risvegli la coscienza di Veltroni altrimenti dovremo … Continua a leggere

Berlusconi è veramente impazzito?

Sulla gestione politica del “caso Englaro” sono sempre stato molto critico con governo e maggioranza: contro ogni istinto che premeva affinchè mi rallegrassi dei tentativi di interrompere la sentenza di morte di Eluana, ho sempre sostenuto una posizione “laica”, dicendo che se qualcosa poteva esser fatta DOVEVA esser fatta prima, per colmare quel vuoto legislativo … Continua a leggere

Sulla sicurezza il governo ha peccato di presunzione, ma l’opposizione preferisce inseguirlo su una finta gaffe.

L’ha detta male. Ma non poi così male. Diciamo che l’ha detta a modo suo, ma il concetto è giusto. Ed è proprio questo il problema: che quel concetto espresso in malo modo è perssochè corretto. Non è, infatti, possibile garantire un livello tale di sicurezza da poter evitare il ripetersi di fatti orribili come … Continua a leggere

Novità sulla riforma delle intercettazioni.

Nessuna cornetta abbassata. PM e investigatori possono tirare un sospiro di sollievo. E anche noi. A quanto pare, il ddl sulle intercettazioni, presentato dal ministro Alfano nel giugno del 2008, dovrebbe arrivare in aula decisamente diverso da come lo aveva inizialmente pensato Berlusconi. Fortunatamente. Fortunatamente perchè alla fine si è deciso di puntare più al … Continua a leggere

Meno tasse, più lavoro. Berlusconi, dai retta a Martino!

“In questo giorno, ci riuniamo perché abbiamo scelto la speranza sulla paura, l’unità degli scopi sul conflitto e la discordia. In questo giorno, veniamo per proclamare la fine delle futili lagnanze e delle false promesse, delle recriminazioni e dei dogmi logori, che per troppo a lungo hanno strangolato la nostra politica.“ Barack Obama, 20 gennaio … Continua a leggere

Il governo torna indietro sui tagli al fondo per le detrazioni sui risparmi energetici. Meno male!

Meno male. Perchè non ero affatto d’accordo a come si erano messe le cose. La norma resta, ma non sarà più retroattiva. E questa è una cosa buona. Vengono però mantenuti i tetti di spesa per i prossimi tre anni. Le detrazioni al 55%, quindi, saranno garantite fino ad un massimo di 600 milioni di … Continua a leggere

Prigionieri di un conflitto d’interessi. Che non esiste.

Sparare su Travaglio stavolta sarebbe un po’ come sparare sulla Croce Rossa: ha usato qualcosa come più di 3500 parole per dire…..niente. Ha ragionato di fuffa. Fuffa dettagliata, s’intende, come suo solito. Ha rispolverato pagine dimenticate della storia della Repubblica (probabilmente non solo intesa come Nazione Italiana…) pur di affondare il colpo laddove la carne … Continua a leggere

Berlusconi si loda e finisce con l’imbrodarsi. Quel carteggio tra Commissione e governo Prodi sull’IVA dimostra che c’è stata una fregatura. Per noi.

Non so bene come intitolare questo post. Ma di sicuro posso anticiparvi in sintesi il mio commento: che fregatura. Eccolo lì, sornione come poche altre volte l’abbiamo visto, il ministro Tremonti sfoderare come una sciabola davanti all’indifeso nemico (giornalisti e politici dell’opposizione) il famigerato carteggio tra la Commissione Europea e il governo Prodi in cui … Continua a leggere

Il governo taglia i fondi per le nuove tecnologie e la sinistra si preoccupa dei privilegi di pochi che vogliono guardare le partite di pallone.

Lasciatemelo dire: è incredibile! E’ incredibile come questa sinistra, dal PD all’IdV, si stia facendo mettere nel sacco dal solito Berlusconi. Come si diceva qualche post più sotto, hanno imbracciato le armi per una battaglia sbagliata, incompresa da tanti italiani (elettori e non) e con ostinazione andranno a sbattere dolorosamente contro un muro. Il tutto, … Continua a leggere

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!