Non imitatelo.

Guardate bene quest’uomo. Ecco: è un esempio da non imitare. Dice di essere di destra, ma è soltanto un ignorante. La croce uncinata nazista non è simbolo di appartenenza politica, bensì il segno di riconoscimento degli imbecilli. Spero seriamente che qualche pubblico ministero gli faccia fare una pausa di riflessione nelle patrie galere. O meglio: … Continua a leggere

Previsione e prevenzione.

Come al solito siamo costretti a sperare che tragedie come quella abruzzese ci siano almeno di lezione per il futuro. Oggi infatti non è il caso di schierarsi pro o contro chi si è detto in grado di prevedere il sisma che ha distrutto 26 paesi e messo in ginocchio L’Aquila, perchè l’unica cosa da … Continua a leggere

Sciacalli.

Non sono solo quelli che si intrufolano tra le macerie delle case abbandonate dopo il sisma razziando tutto ciò che è stato lasciato in fretta e furia dai loro abitanti, ma anche quelli che cercano di approfittare di simili tragedie per accaparrarsi la loro fetta di consenso politico o mediatico: ovvero, quello che stanno facendo … Continua a leggere

Eluana non voleva morire. Ma papà Englaro ha deciso il contrario.

La notizia è sconvolgente, comunque la pensiate. Non la tiro troppo per le lunghe: si tratta di una lettera che Pietro Crisafulli ha inviato a TGCOM in cui racconta i motivi (veri o presunti tali) per cui Beppino Englaro si sarebbe deciso a battersi affinchè alla figlia sia staccato il sondino che la mantiene in … Continua a leggere

Dopo l’indignazione, che fare?

Disgusto, rabbia, paura, compassione, sconforto… Sono tanti i sentimenti che si possono provare dopo esser venuti a conoscenza di fatti orribili e disumani come quelli che hanno segnato la Capitale nei giorni scorsi. Ma l’indignazione serve a poco. E la polemica politica non serve affatto. Purtroppo, abbiamo scoperto a nostre spese che perfino il fare … Continua a leggere

Quelli che…le sentenze non si discutono. Tranne alcune. Quelle di assoluzione.

Dipende da quali sentenze. Quella sul G8, di assoluzione (peraltro) di 30 su 45 degli imputati, si può discutere eccome. E La Repubblica non ci pensa due volte: prima giudicandola una “sentenza dimezzata“, poi mantenendo in prima pagina le sole richieste e ricostruzioni dell’accusa. Domanda: ma è la difesa che non si presenta mai in … Continua a leggere

Una cosa di cui non si parlerà. Giustamente. Forse. Ma io ne parlo.

Poichè da qualche tempo a questa parte non si fa altro che portare ad esempio singoli episodi in cui le intercettazioni sarebbero state fondamentali per sgominare il delinquente di turno, vi propongo un caso “fuori dal comune”. Spiace tirare fuori il nome di Ottaviano Del Turco, per il quale rimane ovviamente intatto il principio di … Continua a leggere

Piero Ricca, il permaloso che non vuol sentirsi dire che è uno “stronzo”.

Piero Ricca lo conoscete tutti. E’ diventato famoso per aver gridato “buffone” al presidente del consiglio, Berlusconi, nei corridoi del palazzo di giustizia di Milano. Curioso: il “giornalista” Piero Ricca invitava il premier a “farsi processare come tutti gli altri”, praticamente mentre il Cavaliere usciva dall’aula di tribunale in cui si stava regolarmente svolgendo il … Continua a leggere

Caro Vescovo di Viterbo vergognati. Ecco perchè quel matrimonio negato poteva invece essere celebrato!

Premetto che non sono un esperto di diritto canonico. Ma…quanto successo a Viterbo ha il sapore amaro dell’ingiustizia oltre che della vergogna. Andiamo per ordine. I fatti: il Vescovo della cittadina laziale ha negato ad una giovane coppia di potersi sposare con rito cattolico, perchè lo sposo non sarebbe in grado di procreare, essendo egli … Continua a leggere

Giovani mostri. Figli della “normalità”.

Questo è l’ultimo caso di una lunghissima serie, che certo non si interromperà oggi. Ma è interessante notare come, al solito, il tutto accada nell’incredulità generale, come tutto ci sorprenda scuotendoci da quel torpore che ci fa chiamare tutto “normalità”. Dopo qualunque tragedia, infatti, i giornalisti si affannano a domandare a parenti ed amici o … Continua a leggere

In difesa di Gianfranco Fini.

UPDATE 3: QUI il video di Porta a Porta con Fini. (la puntata è “I due Presidenti”) UPDATE 2: più teste vuote che teste rasate. Dal tg5: chi sono i cinque del “branco”. Clicca sul video. UPDATE: su La7 c’è il video delle puntualizzazioni di Gianfranco Fini. clicca sul video. Quando ieri scrivevo questo post, … Continua a leggere

(Mala)Giustizia. Se la magistratura processa sè stessa. Impunità per chi sbaglia. Urge riforma!

Se gli esempi servono per capire meglio le cose di cui si parla, per capire i mali della giustizia italiana non c’è esempio di cronaca ed attualità migliore di quello offertoci dal CSM, che ha deciso di non sospendere quel giudice che aveva necessitato di otto anni per depositare le motivazioni di una sentenza. Ritardo … Continua a leggere

Moro, Prodi e la seduta spiritica. 30 anni dopo. Seconda Parte.

2 Aprile 1978 – 2 Aprile 2008. 30 anni dopo la seduta spiritica di Prodi…ancora nessuna risposta. Seconda Parte. …ora, veniamo al dunque. Dobbiamo credere alla storia della seduta spiritica? Approfondiamo anche questo aspetto. Dubbi ce ne furono e ne restano ancora troppi. Sia i magistrati che le commissioni d’inchiesta sul caso Moro e sul … Continua a leggere

Moro e la seduta spiritica di Prodi. Il presidente del PD e il giallo di via Gradoli 30anni dopo. Prima parte.

Il professor Prodi e la seduta spiritica sul rapimento di Aldo Moro. Per non dimenticare. (fonte immagine: DAW) Prima Parte. 2 Aprile 1978 – 2 Aprile 2008. A trent’anni di distanza, il professore, ovvero l’ex presidente del Consiglio, Romano Prodi ancora non ha fatto luce su uno degli episodi che hanno contraddistinto gli anni di … Continua a leggere

Aborto: più spesso di comodo che terapeutico. Rivedere la 194!

Dicevano che con la legge 194 erano stati azzerati gli aborti clandestini. A domanda: si ma come si possono quantificare gli aborti clandestini se per definizione una cosa clandestina non la puoi conoscere? Nessuno credo abbia mai capito la risposta. Il caso del medico suicida di Rapallo ci da conferma di quanto poco sopra detto. … Continua a leggere

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!