Sinistra redivIVA.

Dopo aver moltiplicato i numeri del Circo Massimo (dicevano di essere in 3 milioni, ma eran meno di 300mila), Veltroni non ha perso l’occasione di moltiplicare le ansie degli abbonati Sky: “il governo vi raddoppierà il canone”. Ah. Niente di vero, tranne gli occhi di Veltroni e compagni letteralmente iniettati di sangue. Invidia e livore … Continua a leggere

Studenti e genitori in piazza come 5 anni fa contro la Moratti.

Solo che ancora nessuno di quelli che 5 anni fa sfilavano in corteo protestando contro la riforma Moratti le ha mai chieso scusa o abbia ammesso d’aver avuto torto. Fateci caso: i genitori temevano che venisse abolito il tempo pieno e gli insegnanti con cui manifestavano glielo facevano credere. Ma così non è stato. Dicevano … Continua a leggere

Il paradosso universitario: più finanziamenti, più tasse.

Non sono in molti ad esserne informati. E sono pronto a scommettere che nessuno di quelli che in questo mese hanno sfilato in piazza ne sia a conoscenza. Ma a tutti gli studenti che continuano a ripetere che il governo vuole rendere l’università accessibile solo ai ricchi perchè coi tagli dei finanziamenti del fondo ordinario … Continua a leggere

Il flop del Circo Massimo.

Premesso che quella di ingrossare i numeri è ormai diventata una patetica regola valida per tutti quelli che sono scesi in piazza nel corso degli anni (vedi manifestazione del PdL del 2 dicembre scorso contro Prodi e il suo regime fiscale), facciamo le pulci a quelli che si sono autoproclamati “i migliori”. Sarà, ma intanto … Continua a leggere

Evidentemente qualcuno c’ha capito davvero poco.

Sui Rom ed il presunto neo-razzismo discriminatorio del governo si fa prima a dire chi aveva ragione piuttosto che fare l’elenco dei “fenomeni” che parlavano giusto per dar fiato alla bocca! Avevano perfino cercato un appiglio nell’UE, ma a quanto pare le imbeccate “democratiche” sulle proposte del governo italiano in materia di contrasto all’illegalità di … Continua a leggere

L’Italia delle due sinistre.

Tempi duri per i liberali di destra. Pare proprio che il Bel Paese abbia paura di affidarsi ad una vera politica liberale, non solo in campo economico. E anche i sostenitori di quella, sembrano viaggiare col freno a mano tirato. A questo, aggiungiamoci che negli ultimi 15 anni (e per almeno altri 5 a venire) … Continua a leggere

Ma l’ha letta la legge Di Pietro? Falsa e imprecisa la sua lista di reati per cui scatterebbe la sospensione.

Attenzione: siamo davanti ad un clamoroso caso di DISINFORMATJA, che è molto peggio della disinformazione. Non solo si tace, ma si forniscono anche false informazioni. Chiariamo un attimo una cosa: prima di fare proclami bellicosi come quelli che stanno lanciando Di Pietro e Beppe Grillo dai loro blogs sarebbe il caso di leggere i testi … Continua a leggere

Perchè si sappia: ecco la differenza che passa quando una legge la fa Berlusconi e quando la fanno le sinistre…

C’è poco da fare e ancor meno da dire. Tutti giorni abbiamo la dimostrazione e la riprova di come si gridi allo scandalo per il sol fatto che a muovere le trame legislative è il Cavaliere; niente di più: diventa quasi troppo perfino appurare e giudicare nel merito una nuova legge o la novellazione di … Continua a leggere

Tutte le balle sulla salva-processi di Berlusconi. Ecco perchè non è una legge ad personam.

A qualcuno non piace la norma che sospende per un anno alcuni processi per avvantaggiare lo smaltimento di pratiche urgenti di procedimenti relativi a reati di assoluta gravità, come quelli per cui è previsto l’ergastolo od una pena superiore ai 10 anni e tutti quelli legati a mafia, terrorismo e criminalità organizzata. Dicono favorisca anche … Continua a leggere

Sapienti fascisti.

Quanto dovremo aspettare ancora per sentir dire da qualcuno che le nostre università sono un ricettacolo di nostalgici fascisti che non indossano più le camice nere, ma gli idumenti slargati e straccioni che vanno molto di moda nei covi dei giovani sinistrorsi?! Quanto dovremo aspettare perchè qualcuno si indigni per il clima di tensione che … Continua a leggere

Visco vouyer del fisco.

Siamo stati irretiti. Nel senso che siamo tutti finiti in rete. Bastano pochi click e potremo sapere quanto guadagna il nostro vicino, il nostro amico, il nostro capo, il politico, la soubrette, la velina e chiunque altro di cui ci venga in mente il nome e la voglia di sbirciarne il reddito. Potremo insomma dar … Continua a leggere

E’ sicuro: uno vince, l’altro perde.

Ho il tempo alle calcagna, ma aspettando di scrivere questo post mi son spesso chiesto cosa avrei potuto dire di nuovo. E tutte le volte mi son detto: niente! Niente, perchè è già tutto deciso. Non nel senso di truccato, bensì di straordinariamente scontato. Per capirsi: anche i sondaggi parlano chiaro. E per capirsi ancora … Continua a leggere

Grazie Prodi. Ora l’Italia è davvero in ginocchio.

Pil: 0,3% (rispetto all’1,4% del 2006 – ultima finanziaria Tremonti) Deficit: 2,5% (rispetto al 2,4% del 2006 – dato scremato al netto delle sanzioni UE che potevano essere tenute fuori dal bilancio dello stato ma che Prodi con pervicacia davvero maligna si è invece affrettato ad inserire a sostegno delle proprie tesi catastrofistiche) Inflazione: sopra … Continua a leggere

Apologia del governatore della Campania. Veltroni è caduto proprio in basso…lino.

“Ha fatto un lavoro fantastico. A Napoli ha cambiato il volto della città e tutto il mondo lo ha riconosciuto”. Walter Veltroni, 9 aprile 2008 …senilità di un 52enne…

Vietati i sondaggi, ma c’è sempre lo share. Veltroni e la favola dei migliori ascolti in tv!

Povero Walter. Dopo un mese passato ad annunciare, sondaggi alla mano (quali??), il clamoroso recupero del PD sul PdL (ma dove???), è rimasto con la mano sulla freccia, pronto a proclamare il sorpasso, per colpa di una stupida legge che impedisce di pubblicare sondaggi nei quindici giorni prossimi alle elezioni. Così, Veltroni, che senza numeri … Continua a leggere

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!