Le fantastiche cippe.

Cosa abbiano di “fantastico” quei 5 è tutto da scoprire.

Di sicuro, non l’hanno dimostrato durante “il Confronto” tv di ieri sera.
Novità non ce ne sono state: i candidati (Vendola ha parlato di “competitors” e di “concorrenti”), sono stati prevedibili, tanto che al gong finale ci si poteva tranquillamente chiedere a cosa sia mai servito un dibattito del genere.
L’unica valutazione possibile è quella sulla capacità di “bucare lo schermo” o almeno, sulle capacità persuasive dei singoli politici, ma anche lì, tolto il faccione sorridente di Renzi, tutti e 5 hanno recitato la parte che meglio gli riesce.
Bersani è stato il Bersani di sempre: leader compassato, serioso e anche un po’ borioso. Sembrava quasi seccato di trovarsi a partecipare a quel teatrino. In fondo, sa già che l’unico sfidante che possa metterlo in difficoltà nelle urne è il sindaco di Firenze. Gli altri, non lo preoccupano e nemmeno ci bada tanto.
Vendola non riesce ad indossare panni diversi dai suoi: si perde nei lunghi preamboli e si dilunga in sofismi che complicano il messaggio che invece dovrebbe passare più semplice e diretto. E’ il primo a citare Berlusconi e il berlusconismo: radicato al passato.
Tabacci: impossibile giudicarlo, o meglio…impossibile immaginarselo premier. Unico sussulto, quando ha dichiarato di volere Mario Monti presidente della Repubblica; ovvero, come uccidere gli entusiasmi della gente…
Puppato: idee chiare, ma stantie.
Renzi: unica novità. Non perchè dica cose realmente nuove, ma perchè le dice in modo più convincente degli altri. E’ giovane, è brillante e perfino un bravo attore. Il dialogo con Marchionne è stato esplicativo della sua preparazione al confronto.

Nessun sussulto, però. Nessuno scontro.
Pace, amore e gioia infinita hanno regnato incontrastate per tutto il tempo del dibattito.

Due sole cose resteranno di ieri sera: il “no” a Casini (sebbene tutti indicavano l’esperimento siciliano come indicativo per le politiche nazionali) e la perla della sostenitrice di Vendola, che ha chiamato in causa tale “Oscar Giannetto”, anzichè Giannino.
Tutto il resto…è noia!

Comments
93 Responses to “Le fantastiche cippe.”
  1. Anonimo scrive:

    Pare che le cippe si sono riorganizzate, mentre il tuo Pdl ha piu’ esponenti latitanti che elettori.
    Magari si puo’ aspettare la cippa Fittoindagato anche lui o la discesa in campo di Marina come nel feudalesimo.
    Contento tu.

  2. Sagra scrive:

    “…Sagra se non sai cos’è il principio di località come pretendi di capire la NON località ?…”

    Non ci sai spiegare il tuo personale concetto di “NON località”.
    Non ci sai spiegare il tuo personale concetto di “principio di località”.

    Non sai spiegare un cazzo e parli a vanvera…

    A cagare… please !!

  3. ............ scrive:

    cesaruccio col suo cesaroMETRO ha in messo in gara una velocità in locale, dove il vuoto è quasi statico, con un’altra velocità, in cui il vuoto si espande velocissimo e le ha pure misurate col suo ceraroMETRO. Che fisico, signori…. non sapeva che era il vuoto ad espandersi e nom le galassie… ricordate la frasetta famosa e stupida… Sympa pure le galassie sono entità geometriche?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: