Para anche questa, Buffon!

Se ci sono arrivati anche i calciatori, allora deve essere vero: in Italia abbiamo un problema. Anzi, due. Il primo si chiama Giustizia, o meglio: Magistratura. L’altro è l’informazione. Mischiateli insieme ed otterrete un concentrato di potere che non è più tollerabile.
Nel tempo ci siamo abituati ad ascoltare le parole di un anziano signore che si diceva perseguitato giudiziariamente da fronde di politici con la toga, che altro obiettivo non avevano se non quello di fargli pagare la sconfitta elettorale della “gioiosa macchina da guerra” di Occhetto nel ’94. Da allora ad oggi non si contano più le indagini e i processi che lo hanno coinvolto, così come non si contano più le storture del sistema con cui lo si voleva colpire. Senza successo.
E più lui insisteva nel sostenere la necessità di una profonda riforma dell’ordinamento giudiziario, più pubblici ministeri e giornalisti gli tiravano fango addosso.
Ma, essendo i pensieri di un vecchietto con evidenti disturbi ormonali, nessuno gli dava retta, nonostante di prove a sostegno delle sue idee ve ne fossero quotidianamente.

Oggi però non è un attempato signore sul far della senilità a cantare le stesse rime, bensì un italico adone, simpatico calciatore e personaggio pubblico da tutti stimato per le sue prodezze in campo e la sua discrezione fuori dal rettangolo di giuoco.
E’ suo lo sfogo dell’altro ieri con cui tirava in ballo il mefitico legame tra media e magistratura.
Povero lui, abituato a pensare a come fermare un pallone non si rendeva conto che stava per andarsi a scontrare con il duo d’attacco più forte d’Italia: toghe e giornalisti, manco fossero Messi e Cristiano Ronaldo.
Se ci giochi contro, almeno un gol te lo devi aspettare. E loro non hanno tardato a segnarlo.

Nemmeno un giorno ed eccolo lì, sulle prime pagine dei giornali, che lo gettano senza ritegno nel calderone dell’ennesimo scandalo del calcio-scommesse.
Prove? Nessuna, ma cosa importa?! La magistratura sarebbe sulle tracce di alcuni assegni emessi a favore di un amico tabaccaio e tanto basta per scatenare una ridda di voci e pseudo testimonianze di ex fidanzate e amici col dente avvelenato.

Eppure, cos’è che aveva detto il giorno prima?
Ah, già… Che il rapporto tra magistratura e giornalisti era malato, almeno quanto la spettacolarizzazione di certe azioni di polizia giudiziaria.
Sbaglio, o erano più o meno gli stessi ammonimenti fatti e rifatti da quell’anziano signore che magistrati e giornalisti hanno fatto fuori a suon di inchieste farlocche e colpi di spread?

Comments
6.782 Responses to “Para anche questa, Buffon!”
  1. Santoro scrive:

    “Che coincidenza !
    Evita di parlare di queste cose, anche perchè non le capisci.”..

    Che coincidenza ahahahhahahahahaha.

    Che bischero che sei, mezzo mondo accademico dice “queste cose” e tu fai lo stronzo richiamando Marina.

    Sono io che dovrei evitare di perdere tempo con un incompetente come te.

    Io capisco che consentire al giudice civile, che non sia quello dell revocazione, la ricostruzione di sentenze civili passate in giudicato apre un vulnus nel sistema giuridico che stravolge la certezza del diritto..

    Sei tu e i tuoi mentori a non capire. E i motivi della sentenza Metta non c’entrano perché con quello che c’è da contestare alla CdA di Milano nessun legale ci perderebbe tempo.

    In merito alla causa petendi ed al petitum: la CIR, Mesiano e la CdA di Milano affermano il nesso di causalità tra sentenza ingiusta e danno risarcibile, e per loro non è dirimente la transazione. Ma vai a … cantare

  2. Anonimo scrive:


    dal minuto 7:40…Croce per Sympa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: