C’eravamo tanto sbagliati.

Addio a Monti.
Oggi sono in vena di riadattare vecchie citazioni e tutte mi sembrano descrivere al meglio l’attuale momento politico che stiamo vivendo.
Dall’Italia e dall’estero fioccano i dietro front sulla figura del nostro presidente del consiglio e l’entusiasmo con cui era stato accolto sta pian piano inabissandosi nel mare dell’incapacità riformatrice in cui pochi mesi fa era affogato il Cavaliere.
Il bluff sull’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori e il pernicioso sistema fiscale ideato per coprire i costi di uno Stato pachidermico che non si è voluto alleggerire, han fatto ricredere molti opinionisti e soprattutto molti italiani.
Dal Financial Times al WSJ, dal Corriere al Sole 24 Ore il giudizio si fa unisono: la credibilità del Professore si sta assottigliando, mentre il Paese è stretto nella morsa della recessione che non solo non è stata evitata, ma nemmeno edulcorata e che hanno finito addirittura per acutizzare.
Il governo dei tecnici si è impantanato nelle stesse sabbie mobili che hanno bloccato i partiti per interi decenni, col risultato che ad oggi stiamo peggio di ieri.
Al netto dei fatti, abbiamo meno soldi in tasca, più tasse da pagare, meno lavoro disponibile, più precarietà e una pensione sempre più lontana, la benzina che costa un occhio della testa e la casa…l’altro. Ma non siamo ancora diventati ciechi e c’è chi ancora si chiede quale sia il prezzo di tutti questi sacrifici.Il trauma deriva dal constatare che non c’è stato alcun taglio agli sprechi e che la casta è ancora là che gozzoviglia sulle nostre spalle.
Eppure, sembrava che questo manipolo di uomini in giacca e cravatta avesse pronta la soluzione ad ognuno degli atavici mali della nostra cara Italia. E c’era chi, sbandierando lo spettro della Grecia, accompagnava con veemenza il cambio del nocchiero e il passaggio da una democrazia ad una tecnocrazia: “fate presto”, titolavano i quotidiani.
Ora siamo noi a dire “fate presto”: ricacciate Monti (e la sua cricca) da dove è venuto e restituiteci almeno la possibilità di scegliere di chi lamentarci!
Sarà anche poco, ma sarebbe comunque abbastanza…

Comments
3.185 Responses to “C’eravamo tanto sbagliati.”
  1. cesare scrive:

    “Come cavolo facciamo a discutere della correttezza o meno di quella sentenza?”
    Rispondo ANCHE qui: questa e’ la PROVA LAMPANTE che non ne negava la correttezza ALLORA..e quindi ha cambiato idea solo DOPO AVER letto la sentenza della CDA di Milano.
    ahahhahahhahahahahahahahhahaha!
    Che inculata ragazzi che vi siete presi dal vostro Teq!

  2. Nick scrive:

    No, hai dimostrato che sei un perfetto bugiardo .
    Ti dovresti solo vergognare di quanto sei meschino, lurido e scorretto e scusarti.
    Perchè adesso quello che ha detto tequilero non ti può essere sfuggito.
    E ancora insisti.

    Ecco cosa aveva scritto tequilero

    https://ilpensatore.wordpress.com/2012/04/06/ceravamo-tanto-sbagliati/comment-page-81/#comment-83890

    ————————————————————————-

    tequilero:
    Come cavolo facciamo a discutere della correttezza o meno di quella sentenza?
    Io neanche l’ho letta……

    cesare: Vedete , pure tequilero dice che la sentenza è corretta !

    ————————————————————————–

    La discussione dunque si è svolta esattamente come diceva Sympatros giorni fa ,
    NON E’ VERO che tequilero non ha detto di non aver letto la sentenza.
    E non è vero che ha parlato per giorni della correttezza della sentenza. Incalzato da cesare che gli faceva sempre la stessa domanda
    La domanda : “la sentenza è corretta?” diretta a tequilero non spunta nemmeno una volta

    Insomma, tanto per cambiare una serie di bugie che denotano lo spessore del personaggio. (cesare) che a questo punto si mostra per quello che è : uno STRONZO PATETICO.

    Ribadiamo :

    Come cavolo facciamo a discutere della correttezza o meno di quella sentenza?
    Io neanche l’ho letta……

    Come cavolo facciamo a discutere della correttezza o meno di quella sentenza?
    Io neanche l’ho letta……

    Come cavolo facciamo a discutere della correttezza o meno di quella sentenza?
    Io neanche l’ho letta……

    Come cavolo facciamo a discutere della correttezza o meno di quella sentenza?
    Io neanche l’ho letta……

  3. Cesare scrive:

    Ho sbagliato thread…tanto Nick lo leggera’ comunque🙂

  4. Cesare scrive:

    Faccio notare che mia sorella non esiste fisicamente secondo Nick, ma esiste secondo lui perche’ sagra la usa come modello ( di zoccola). Io dico semplicemente che non esiste. Non sara’ piu’ semplice e chiara la mia rappresentazione della realta’ fisica?

  5. Cesare scrive:

    Mi era sfuggito questo post di sagra nel quale mostra di esser antinuclearista…grazie della conferma superflua che un cretino non può esser a favore delle cose buone.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: