Senza pudore.

Su La Repubblica di oggi, segnalo l’ennesimo infame e infamante articolo del commissario D’Avanzoni, il quale, colto dall’ennesimo attacco di livore antiberlusconiano, è riuscito a buttar giù un pezzo intriso di calunnie e fesserie, che se davvero ci fosse un regime non potrebbe non esser punito che con la decapitazione.
Non vi chiedo nemmeno di andarvelo a leggere: tempo sprecato.
Si può riassumere in poche parole: l’affaire Fini è tutto un clamoroso falso. E ovviamente il mandante di questo killeraggio politico è il Cavaliere. E’ lui che avrebbe usato i servizi segreti per fare pressioni su un governo sovrano per ottenere una falsa documentazione ed estorcere una falsa confessione da parte del ministro di Saint Lucia. Dal canto suo, il povero e buon Presidente della Camera può essersi dimostrato un ingenuo, ma la sua unica colpa è stata quella di essersi messo contro il Leviatano di Arcore.
Ho dovuto rileggere l’articolo due volte, perchè non credevo ai miei occhi. Eppure è così! D’Avanzo non ha usato mezze parole o perifrasi, ma è andato al sodo parlando dei loschi metodi del noto Corruttore.
Nei giorni scorsi si era intestardito nel sostenere che il documento prodotto dal Giornale, Libero e Dagospia fosse una patacca e nemmeno la conferma del suo autore lo ha dissuaso dalle sue ossessioni.
Questa è la dimostrazione palese che di certezze, taluni giornalisti che si definiscono liberi, ne hanno solo per Berlusconi.
Così il papello di Ciancimino lo inchioderebbe alle sue connivenze con la mafia, le stragi e gli omicidi di Falcone e Borsellino; così una confessione, seppur ritrattata, lo condannerebbe ad esser definito un corruttore; e via discorrendo…
Il beneficio del dubbio, evidentemente, è un privilegio che non può e anzi deve esser concesso a tutti, ma non al Cavaliere.
Ma da D’Avanzo e da Repubblica, ormai, non ci si può aspettare altro. Anzi: pur non avendo doti divinatorie era abbastanza facile prevedere quali sarebbero stati i commenti odierni delle notizie del giorno prima.
Come volevasi dimostrare, il senza-pudore ha dato prova di inarrivabile disonestà intellettuale.

Oggi parlerà Gianfranco Fini: a suo modo. Un video messaggio senza confronto nè dibattito. Sarà la sua verità contro quella di tutti gli altri. E sappiamo già chi abboccherà…
Resta comunque, alla fine di tutta questa vicenda, uno sgradevolissimo amaro in bocca e la sensazione di una pesante delusione: si avverte fortissimo l’odore acre del fallimento politico e la frustrazione nel constatare quante siano state le occasioni fin qui perdute per veder migliorare il nostro malandato Paese.
Ma questo è un altro capitolo ancora e sarà il caso di dedicargli una discussione a parte.

A presto.

Comments
101 Responses to “Senza pudore.”
  1. Anonimo scrive:

    Grigio: eri stronzo un anno fa,stonzo un mese fa,stronzo una settimana fa,stronzo un’ora fa….
    Sei proprio stronzo……
    Peppeniello

  2. Grigio scrive:

    E ci sono pure i difensori di Scaramella!!! HA HA HA HA HA

    E già, Fini, Cosentino…. chi di dossieraggio ferisce, di dosseraggio perisce.

  3. Grigio scrive:

    In quale paese i destri si scontrano per Scaiola (da una parte) e Fini (dall’altra) si sono pappati denari sotto forma case.

    VOTATE COGLIONI DI DESTRA… VOTATE.

  4. Gianluca scrive:

    Caro Enrix , per non parlare poi dei sei mesi di isolamento che Scaramella ha dovuto fare in carcere, un po tantini per una calunnia.

    Gianluca

  5. cesare scrive:

    Nick e’ inutile che tu mi nomini di la’, io rispondo di qua.
    Nick scrive:
    “Enrix, viste le foto. Quali sono le fonti? Diario ?
    La cucina mi sembra diversa (è un’altra stanza?) e il salone pare che inquadri un solo mobile.
    Ce ne sono altre?”
    Ma le foto Enrix le ha postate su questo 3D, quindi sarebbe logico che la discussione sulle foto avvenisse QUI.
    E’ inutile Nick che tu faccia finta di non voler andar OT come facevi la finta con la fisica dicendo a Marco che poteva cancellare le tue risposte date a me.
    Sei solo un falso.
    Adesso la discussione continua di qua, tu vuoi star di la’ solo per sfinire gli interlocutori per l’attesa, non avendo tu un cazzo da fare…era la tattica dei vecchi sindacalisti che tenevano le cose importanti come ultimi punti all’ordine del giorno delle riunioni e tenevano discussioni lunghissime sui primi punti, in modo che la gente si stancasse e andasse via prima di votare, cosi’ solo i fedelissimi restavano.
    Fai schifo.
    Luigi, ho appena evidenziato una nuova tecnica di Nick🙂

  6. Sympatros scrive:

    Ma veramente credete che Fini abbia dubbi sul cognato….. Non ne ho la certezza, ma a me sembra che il discorso è stato pensato e raffinato al millesimo… la frase del dubbio è una trovata retorica ad effetto, sia per captatio benevolentiae e sia per disorientare gli avversari!

  7. Sympatros scrive:

    Le bocce ritornano al punto di partenza, tutte le strombazzate sulla case di Montecarlo potrebbero finire…… la sfida politica di Fini resta in piedi…. Berlusconi si ritrova condizionato da un gruppo all’interno della sua stessa maggioranza. La sua impulsività e sicumera lo hanno portato a questo….. l’unica speranza è la disperata campagna acquisti con personaggi “sudici” di dubbia moralità e coerenza… ma Lui con questo genere di persone si trova bene, come pesce nell’acqua… nella sua acqua.

  8. lm scrive:

    tra l’altro, cesare, a Fini gli restano I DUBBI, non sa se l’Elisabetto è o no proprietario.

    ma allora, come giustamente ha già osservato qualcuno, tutta la tiritera sul dossieraggio, sull’attribuzione al Berlusca di maneggi, sull’accusa ai vari Feltri & C. di essere infami perché avevano già da prima gli stessi dubbi che ha lui adesso?

    guarda che guaio ha combinato con il ditino puntato!

  9. cesare scrive:

    Ah lm,
    se e quando hai tempo, visto che sei un avvocato, dai un’occhiata alla sentenza Mills e dimmi se ti pare possibile scrivere robe del genere. La corruzione susseguente in atti giudiziari pretende che la causa avvenga DOPO il suo effetto. E’ scritto TESTUALMENTE a pagina 15:
    “Il dolo specifico, nella corruzione in atti giudiziari susseguente, si incentra nel compimento dell’atto, che di per sé non è condotta punibile, rispetto al quale la successiva condotta di ricezione del denaro o di accettazione della promessa assume valenza esclusivamente causale, in presenza di un precedente comportamento orientato specificamente a favorire o danneggiare una parte processuale.”
    come cazzo fanno????????????????????????????????????

  10. cesare scrive:

    Infatti tu sei una persona coerente, lm. Io mi chiedo come mai chi protestava contro Scajola allora, oggi faccia di Fini un baluardo della legalita’!!
    Buona domenica anche a te!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: