Una lezione importante.

Ormai è spirata e non c’è più niente da fare.
Ma non chiedeteci di restare in silenzio, perchè è nel silenzio che le menti si chiudono e si atrofizzano.
E’ stato molto importante, invece, avere per settimane un motivo così alto per discutere, argomentare, credere e ricredersi…per imparare.
Una cosa è il rispetto, tutt’altro il nichilismo, il menefreghismo, l’indifferenza.
Tutto il Paese è stato scosso dal “caso Englaro”: si è spaccato, ma anche riavvicinato.
Per qualche tempo abbiamo assistito ad un fenomeno di ristrutturazione sociale, dove gli schieramenti si scomponevano per ricompattarsi in forme diverse.
Perchè guardare solo alle divisioni? Certo, è politicamente più comodo per strumentalizzare la situazione, ma in momenti come questo sarebbe più utile badare ai punti di contatto. Perchè è da quelli che già oggi si dovrà ripartire affinchè la Politica recuperi il ruolo che le spetta e a cui non può più abdicare.
I risultati di un simile atteggiamento sono sotto gli occhi di tutti: la morte di Eluana è stato il più fulgido esempio di quanto i fallimenti della Politica creino ferite dolorosissime e difficilissime da risarcire.
Per questo non è possibile tacere, volgere altrove lo sguardo e lasciare che tutta questa storia ci scivoli addosso come nulla fosse, convinti che saremo sempre in tempo, la prossima volta, a tornare ai nostri posti di “battaglia”.
Ma è così necessaria un’altra “battaglia” una prossima volta?
La storia di Eluana ci ha dato tanto, ma ci ha anche tolto moltissimo.
In molti hanno perso di vista il limite consentito dalla decenza e superandolo si sono resi vili e disgustosi.
Chi si buttava sull’ambulanza come chi, ieri sera, accoglieva con un applauso di soddisfazione la notizia della morte della donna.
Mi ci metto anch’io tra quelli che hanno esagerato e chiedo scusa. Ma era difficile non lasciarsi coinvolgere…
L’augurio che faccio a me, come a tutti gli altri, è di trovare il tempo, il modo e il coraggio di rielaborare questa vicenda per abbandonare le nostre certezze e meglio disporci ad una crescita spirituale cui solo gli stolti potrebbero rinunciare.
Ciò, però, implica la discussione, il dialogo, il confronto…tutto, ma non il silenzio.
Quello non è rispetto. E’ indifferenza.
E l’indifferenza genera mostri…

Addio Eluana, grazie per la lezione!


votami-su-oknotizie3

Comments
17 Responses to “Una lezione importante.”
  1. raser scrive:

    Ma no, Augusto e Cougar, c’è la terza via, quella che ci ha indicato Poliscor e ogni tanto lasciano trapelare involontariamente i Ferrara e i gerarchi vaticani: nel silenzio della propria casa, senza dir niente e senza far casino…

  2. Cougar scrive:

    “Per chi se lo può permettere.”

    Ecco la linea politica Italiana …

    Questo è inquietante …

  3. Augusto scrive:

    Non so che dire.
    E allora taci e non rompere; (giustamente) direte voi.
    Solo volevo fare una considerazione politica.
    I casi, sfortunatamente, sono due:
    1) dopo tutto sto casotto… piano piano, tutto si calma e la tale legge svanisce.
    Svanisce perché crea problemi al governo; che non puó prostrarsi troppo apertamente a quello stato estero che noi stessi manteniamo.
    Svanisce perché crea problemi all’opposizione che, durante la discussione, rischierebbe sicuramente la scissione. E non sarebbe la scissione dell’atomo, che crea energia, ma la scissione di una piccola molecola, ininfluente, in altre due (o piú) ancora piú ininfluenti.
    Svanisce perché turberebbe profondamente gli equilibri politici (di potere) proprio al ridosso delle elezioni europee.
    2) É rapidamente votata sull’onda delle emozioni.
    Considerato il tipo di parlamento che abbiamo oggi, nominato, NON eletto dal popolo, con ogni probabilitá avremmo una legge schifosa; come o peggio di quella sulla fecondazione assistita.
    E allora, la libertá di chi vuole morire in pace sará calpestata per legge, creando il turismo della buona morte; oltre che a quello della inseminazione.
    Per chi se lo puó permettere.

  4. aXx scrive:

    gran bel post

    @poliscor… è allucinante quello che scrivi, fatelo ma non ditelo in giro, se ti va bene e trovi il medico compiacente ok altrimenti magari arrangiati a casa tua… e invece no, la famiglia Englaro (perché non stiamo parlando solo del padre, anche la madre ha partecipato alla battaglia fino a che ha potuto) ha chiesto quello che secondo loro era un diritto e una precisa volontà di Eluana. E lo ha chiesto prima ai medici, poi alle istituzioni ed infine come ultima possibilità alla giustizia con una dignità e un rispetto delle regole esemplari. Anche Beppino e Saturna ci danno una bella lezione al di là di quello che personalmente riteniamo giuto o sbagliato.
    E lo “Stato tirato dentro”? ma come… è un decennio che discutono sulle norme di fine vita, stanno parlando in commissione da sette mesi, siamo ultimi tra gli ultimi, è una vergogna.

  5. raser scrive:

    @$$$
    “ma io ti chiedo caro marco: perchè si è dovuto fare tutto di fretta in tre giorni quando la cosa poteva e doveva essere fatta molti anni fa?”

    semplice, perchè prima della sentenza della cassazione che stabiliva il diritto a sospendere alimentazione e idratazione artificiali, l’assenza di una legge faceva comodo al vaticano. dopo è cambiato tutto, ed infatti si vuole fare una legge che escluda dal testamento biolgico idratazione e alimentazione

    @Polìscor
    se non ho capito male, secondo te la colpa di Beppino Englaro è stata quella di reclamare un diritto, mentre se avesse “provveduto” nel silenzio, magari con un medico compiacente, sarebbe stato tutto ok?

  6. Polìscor scrive:

    Marco, condivido in pieno il tuo appello a non stare in silenzio: tutti questi inviti alla “riflessione” e al “raccoglimento” mi danno molto fastidio, sanno di falso e colpevole.

    Sulla “fretta”, invece, dissento: lo Stato si è visto tirato dentro a forza a giudicare (la Cassazione) e legiferare (il Governo ed il Parlamento) da un uomo che, per diciassette anni, ha tentato in tutti i modi – riuscendovi – di delegare a tutti noi la responsabilità di sfilare quel sondino. Quella che doveva essere una vicenda intima, privata, confinata tra le quattro mura di casa Englaro, per precisa volontà del padre è divenuta materia di sentenze, decreti, scontri politici, manifestazioni di piazza.
    Una volta che uno dei poteri dello Stato ha “ceduto”, gli altri due non potevano che riequilibrare una situazione grottesca (un giudice che gioca a fare Dio, pretendendo anche di configurare legge). Ed il tempo, nonostante diciassette anni passati tra un’aula di tribunale all’altra, era pochissimo.

  7. mazapegul scrive:

    @ $$$: in italia c’e’ anche la chiesa, che si e’ sempre opposta con ostinazione ad ogni tipo di legiferazione laica (l’unica possibile) di questo tipo di questioni.

  8. Marco Caruso scrive:

    @ $$$: quello che penso sul caso l’ho già ribadito più volte ed è esattamente come hai detto tu…….i nostri governanti (di ieri e di oggi e probabilmente di domani) guidano a fari spenti finchè non possono assolutamente fare a meno. Solo che troppo spesso quando li accendono non possono più schivare il muro cui stanno andando incontro!

  9. $$$ scrive:

    è vero: questo caso ci insegna che i nostri politici (come in molti altri casi) affrontano la situazione solamente quando messi alle strette tentando di mettere delle pezze al danno già compiuto.

    ma io ti chiedo caro marco: perchè si è dovuto fare tutto di fretta in tre giorni quando la cosa poteva e doveva essere fatta molti anni fa?
    senza il caso di Eluana tu ritieni che i nostri politici avrebbero mosso un solo dito per tentare di legiferare qualche cosa? il problema è la classe politica incompetente (nera e rossa) che lascia le cose nel dimenticatoio per anni per poi rispolverarla in fretta furia..

  10. Anonimo scrive:

    io sto con il padre, se io mi trovassi nella sua situazione, con un mio caro in un letto nele condizioni di Eluana o welby chiederei l’eutanasia.

    se fossi io in quel letto, e non potessi farlo personalmente pretenderei che chi mi ama facesse quello che va fatto.

    spero che il parlamento vari un testamento biologico serio, senza i legacci della chiesa, perche’ possiamo discutere finche’ vogliamo se sia giusto o no che una persona, fosse anche un nostro parente, decida della nostra vita, ma io devo poter decidere liberamente tramite un mio scritto, come comportarsi se mi dovessi ridurre come Eluana o welby.
    bisogna dare la possibilita’ alle persone di chiedere l’interruzione delle cure, dell’alimentazione o anche l’eutanasia quando la vita diventa solo un’inutile sofferenza, per te e per chi ti sta accanto.
    io voglio poter decidere della mia vita in totale autonomia politica e religiosa secondo la MIA coscienza.

  11. Asdrubale88 scrive:

    @Matteo Maratea
    Come se si dovesse cambiare programmazione in tv perchè muore una persona…con tutte le cose che succedono al mondo.

    Non è questo il punto.
    La trovo ignobile pubblicità personale da parte di Mentana.

  12. david scrive:

    marco, apprezzo il tuo post.
    però, purtroppo, il modo con cui è stato discusso non ci fa onore come italiani.
    e questo ddl in parlamento è la riprova di quanto il dialogo non sia servito a nulla.
    a me, come a tanti ,è capitato di avere un malato terminale in famiglia. è un’esperienza da non augurare al peggior nemico.
    un tumore al pancreas diagnosticato a mia madre, in 4 mesi se ne è andata.
    ho sperato fino all’ultimo in un miracolo, ho rimediato in ogni modo della morfina sufficiente per non farla contorcere nel letto.
    mi sono preso le sue maledizioni perchè all’ultimo ho chiamato l’ambulanza. mi diceva che non capivo un cazzo, che voleva morire a casa sua…
    ci ha concesso di fare la chemio solo per conoscere il nipotino che sarebbe nato, non ce l’ha fatta per 20 giorni.

    io ho dovuto combattere con lei perchè volevo che vivesse un pò di più. non voleva affrontare il dolore degli organi in metastasi, non si voleva far vedere da mio padre ridotta ad un cencio.

    alla fine l’abbiamo portata a casa imbottita di morfina, grazie all’umanità del medico, ed è morta nel suo letto circondata dalla famiglia.

    siamo entrati nell’illegalità per concederle l’ultimo sussulto di dignità, e mi pento di non averle portato questo rispetto anche prima.

    e se qualcuno si fosse intromesso l’avrei preso a calci.

  13. Matteo Maratea scrive:

    OT…
    e mica tanto.

    Il direttore editoriale dà le dimissioni dopo che Mediaset manda in onda
    il Grande Fratello e non lascia spazi all’informazione sulla morte di Eluana

    Canale5 non cambia programmazione
    Mentana lascia: “Qui solo business”

    http://www.repubblica.it/2009/02/sezioni/cronaca/eluana-englaro-4/mentana-dimissioni/mentana-dimissioni.html

  14. martina scrive:

    Secondo me invece c’è da essere contenti di tutto questo chiasso mediatico perchè è stato uno strumento per far riflettere le persone, per fare in modo che la gente si ponesse almeno il problema. Hai ragione te, ci sono state e ci sono ancora tante storie come questa che non sono mai andate sotto i riflettori, ma non è certo evitando di parlarne che il problema si affronta.

  15. Kazuma scrive:

    Marco,
    ho già espresso il mio apprezzamento per i tuoi pensieri su altri argomenti e anche se non ci siamo “confrontati” (a parte qualche scambio ci commento su fb) su questo argomento, apprezzo molto questo post.

    Vai a leggere il mio ultimo sul mio blog (non voglio farmi pubblicità) e magari capirai anche perchè credo che questa vicenda, forse, andava affrontata in maniera totalmente diversa sin dall’inizio.

    Ora ho la presunzione anche io di sperare che il mondo politico non perda questo treno, dopo aver perso quelli di Coscioni, Welby, e 2 volte questo di Eluana (la lettera di Englaro nel 2004 prima e la sua morte oggi). Ho la presunzione di sperare che i politici intelligentemente coadiuvati da “tecnici” (tra virgolette per sottilineare che non deve essere la sola scienza a parlare) possano trovare il modo di risolvere il problema del testamento biologico.

    E ho la presunzione di sperare che non esca una cagata come la legge sulla PMA!

  16. Anonimo scrive:

    Marco,
    ho già espresso il mio apprezzamento per i tuoi pensieri su altri argomenti e anche se non ci siamo “confrontati” (a parte qualche scambio ci commento su fb) su questo argomento, apprezzo molto questo post.

    Vai a leggere il mio ultimo sul mio blog (non voglio farmi pubblicità) e magari capirai anche perchè credo che questa vicenda, forse, andava affrontata in maniera totalmente diversa sin dall’inizio.

    Ora ho la presunzione anche io di sperare che il mondo politico non perda questo treno, dopo aver perso quelli di Coscioni, Welby, e 2 volte questo di Eluana (la lettera di Englaro nel 2004 prima e la sua morte oggi). Ho la presunzione di sperare che i politici intelligentemente coadiuvati da “tecnici” (tra virgolette per sottilineare che non deve essere la sola scienza a parlare) possano trovare il modo di risolvere il problema del testamento biologico.

    E ho la presunzione di sperare che non esca una cagata come la legge sulla PMA!

  17. Asdrubale88 scrive:

    L’unica cosa di tutta questione che mi da fastidio è che il risalto mediatico che è stato dato ad Eluana, non è stato dato ad altre migliaia di storie tragiche per cui la politica e tutti potevano fare molto.

    Solo perché ne parlavano le televisioni e i giornali, allora ne parlavano tutti, sembrava che tutto il mondo si fosse fermato, quando la sua storia è stata utilizzata da molte persone per altri fini,

    Quello che è successo in questi giorni è il tipico esempio di informazione di merda. Perchè non la si può chiamare in un altro modo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: