Decreto salva-Eluana.

UPDATE: questo post è stato citato su Repubblica.it

In attesa dell’approvazione di una completa e organica disciplina legislativa in materia di fine vita l’alimentazione e l’idratazione, in quanto forme di sostegno vitale e fisiologicamente finalizzate ad alleviare le sofferenze, non possono in alcun caso essere rifiutate dai soggetti interessati o sospese da chi assiste soggetti non in grado di provvedere a se stessi.

[Dovrei esser felice, ma in cuor mio non riesco ad esserlo del tutto.
Alcuni esulteranno, ma con questo decreto il governo ha decretato (scusate il gioco di parole) l’irresponsabilità di una classe politica incapace di agire, ma fin troppo solerte nel reagire…quando il danno è ormai fatto.
Questo è un decreto beffa! Che molto probabilmente non sarà controfirmato dal capo dello Stato e che quindi non vedrà quasi sicuramente mai la luce, ma che è la dimostrazione del fallimento politico su una questione tanto importante.
Che altro dovremo aspettarci ancora?]

(post in probabile evoluzione…via via che mi verranno in mente altri pensieri da aggiungervi…)

UPDATE: il decreto insomma è pronto, ma esattamente come dovremmo chiamarlo? Salva-Eluana o Contro-Eluana?
A ben pensarci è assurdo dire che sia un decreto Salva-Eluana perchè pare che lei non volesse essere salvata…MA come si fa a definirlo Contro-Eluana, dal momento che è un atto che il governo intende fare in difesa della Vita?
Sono esausto…

Advertisements
Comments
60 Responses to “Decreto salva-Eluana.”
  1. Fant ha detto:

    DioCane, rispondi!!

  2. Pedro ha detto:

    Quel medico crede una cosa. Altri medici ne credono altre. È un terreno incognito per cui nessuno ha la ragione dalla sua parte.

    Io sostengo che la vita non sia disponibile, men che meno da terzi, che siano genitori, amanti o giudici. (Basti pensare che si ha l’obbligo di salvare chi tenta il suicidio.)
    Ovunque la morte coincide con la morte cerebrale. Per morte cerebrale si intende che le cellule nervose non trasmettono piu inpulsi (per cui non si puo respirare, il cuore non batte, non c’è controllo della temperatura corporea). Eluana non rientra in questo caso (respira autonomamente) per cui è viva.

  3. Fant ha detto:

    Im, io credo nell’Odissea perchè è stata scritta 2000 anni fa.
    Dici che Zeus punirà questi maledetti atei??
    Fammi sapere.

  4. Sharino ha detto:

    —–
    Se io mi formo un’opinione perché sono cattolico, musulmano, ateo, istruito, cretino,… che cambia?
    —–[pedro]

    Cambia che (ad esempio) se sei cretino, hai una visione “cretina” della realtà, con buone possibilità di avere torto, e altrettante probabilità di non rendertene nemmeno conto.
    Se poi invece di essere da solo, ne siete in tanti il problema si espande, se poi siete la maggioranza il problema passa da grande a inquantificabile a causa della vigente democrazia.

    Ma per tua (e nostra) fortuna invece di essere cretino, sei solo convinto che Eluana corrisponda a “Vita”, avallando la tesi (logica, e mai contraddetta) del pensatore che “la vita va preservata”.

    tutto qui, non fa una piega… eppure lm insiste che il mio discorso non fila…

    —–
    Chiesa e Stato sono separati. Mi si dica in cosa non lo sono. Se una persona è educata in un ambiente cattolico è ovvio che sarà condizionata nelle sue decisioni dal suo credo. Dove sarebbe l’ingerenza?
    —[pedro]

    L’ingerenza sta nel fatto che lo stato non dovrebbe essere condizionato come dici: lo stato (in quanto laico) dovrebbe prendere in considerazione il parere del medico, ma non lo fa per non scontentare i cattolici che stanno protestando, e questo mi fa arrabbiare perché, come già detto, questo causa sofferenze evitabili all’unico piccolo nucleo di persone veramente importanti in questo momento.

    sharino.

  5. Sharino ha detto:

    —–
    se uno è ateo o mangiapreti, perchè deve irridere a Dio?
    —-[lm]

    la risposta è nel mio commento delle 21:29, dodicesima riga contando dal basso.
    (e dici a me che non c’è peggior sordo…)

    —–
    invece qui lo si è fatto per rompere il cazzo all’interlocutore
    ——[lm]

    Lo spronavo semplicemente ad affrontare uno degli elementi che compongono il problema, purtroppo per far passare un concetto, soprattutto quando una mente è così piena del contrario, non basta uno schiocco di dita.


    Ma ti pare che si debba parlare delle crociate
    —-[lm]

    Rientrano nel problema, e se preferisci o se ti offende non ne parlo più: tabù. Lasciami però dire che nella storia i paletti al dialogo non hanno risolto molti problemi.

  6. Pedro ha detto:

    E quindi? Chiesa e Stato sono separati. Mi si dica in cosa non lo sono. Se una persona è educata in un ambiente cattolico è ovvio che sarà condizionata nelle sue decisioni dal suo credo. Dove sarebbe l’ingerenza? Se io mi formo un’opinione perché sono cattolico, musulmano, ateo, istruito, cretino,… che cambia? Ripeto ognuno si forma le proprio idee come crede. Ed ha diritto di esercitare le sue idee. L’idea che ottiene la maggioranza, vince.

  7. lm ha detto:

    Antonio, bene, mi dispiace ma quando si scrive un commento non si riesce a metterci dentro tutto.

    fammi fare un’osservazione che è pertinente e conseguente, anche se banale e ripetuta chissà da quanta altra gente: se uno è ateo o mangiapreti, perchè deve irridere a Dio? se non ci crede, lo lasci perdere.

    invece qui lo si è fatto per rompere il cazzo all’interlocutore che non la pensa come lui, su una materia che dall’interlocutore è stata trattata nel quadro di logiche e ragionevolezze di tipo laico.

    E non si può dire che il Pensatore o, per esempio me, non si sia trattata la materia della Englaro in modo corretto: io, addirittura, mi sono lanciato in un tentativo di discutere sul profilo processuale delle sentenze.

    Ma ti pare che si debba parlare delle crociate: ma perchè invece di chiederlo qui non ci si va a rileggere qualche bel testo storico, chessò, la Storia scritta da Michaud?

  8. Sharino ha detto:

    ————
    non hai riletto bene

    e non c’è peggior sordo di quello che non vuole sentire

    ————-lm

    ok ma non vedo esempi….

    Pedro dalla tua risposta deduco che non hai nemmeno compreso l’esempio delle “fette”, e non accetti la poliedricità del problema…

    “E’ la democrazia” poi è bellissimo:
    Art. 7: Lo Stato e la Chiesa cattolica sono, ciascuno nel proprio ordine, indipendenti e sovrani.

    Ma forse invece di discutere è meglio se esco dalla stanza e ti lascio fumare in pace, altrimenti ti arrabbi…

  9. Pedro ha detto:

    Sharino finiscila di rompere i coglioni (quando ci vuole, ci vuole). Io sono ateo e totalmente contrario alla sospensione dell’alimentazione ad Eluana. E quindi? Vuoi dare anche a me del leccapiedi al clero? Accetta che si possa avere opinioni diverse dalla tua. In democrazia si votano dei rappresentanti e questi si prendono la responsabilità di legiferare. Se la maggioranza ha un etica cattolica, accettalo. È la democrazia bellezza.

  10. lm ha detto:

    non hai riletto bene

    e non c’è peggior sordo di quello che non vuole sentire

    e poi, “non c’è verso di comunicare”

    ciao

  11. Antonio ha detto:

    @ lm

    adesso hai chiarito a cosa ti riferivi ed ho capito. Prima ero andato un pò troppo di fretta ed ero stato fuorviato dalla tua affermazione “..la cui validità ha retto a tremila anni di assalti..” (ma, …., non aggiungo niente perchè altrimenti non la finiamo più).
    In ogni caso, io penso che la “legge” della Torah è valida per chi crede nel libro ma non, nei limiti del rispetto reciproco, per gli altri.

    @ lm & Marco Caruso

    Una cosa che ho avuto già modo di vedere in altri post è il riferimento del tipo (scusate ma mi scoccia andare a pescare le frasi esatte) che le religioni cattolica ed ebraica siano alla base di molti dei valori/principi della società occidentale. Io non sono decisamente daccordo e vorrei avere qualche esempio pratico per verificare quanto c’è di vero. In ogni caso, tutto questo è OT, ed è meglio lasciare in sospeso la questione fino a che non ci sarà l’occasione di parlarne un pò. tuttavia, ho preso spunto dall’OT per esprimere questa mia opinione.

    Un’ultimissima cosa, scusate per il post scritto con i piedi di prima, ma andavo troppo di fretta.
    a presto

    Antonio

  12. Sharino ha detto:

    Io sono apertissimo, e rileggo volentieri…
    …mmm…
    no.. non mi sembra di aver trovato vizi di comunicazione attribuibili a me.

    Mi fai qualche esempio?

    Ad ogni modo, tutti i miei commenti qui sono relativi solo a una “fetta” della problematica, l’altra “fetta” è stata discussa esaustivamente in un altro post, e c’è una vecchia “fetta” in un vecchissimo post in cui mi incazzai al punto da lasciare il blog per mesi.

    Ci sono molti punti da prendere in considerazione, e (a mio avviso, e di questo possiamo discutere tranquillamente) quello più importante è che in una siuazione così dura e triste per i genitori, lo stato dovrebbe fare da “scudo” intorno a quella famiglia, piuttosto che tramutarsi in un avversario.

    Poi c’è chi antepone la “vita” alle “persone”..

    Poi c’è chi ritiene “vivo” un vulcano in quanto, di tanto in tanto, erutta ed è caldo, e magari sta ai suoi piedi a venerarlo…

    Poi ci sono i vegetariani…

    io ci provo a “rispettare”, ma il punto è che di base, se fumi, non è un problema mio, quindi se ti devo dire che la puzza mi da fastidio e se per favore puoi ANDARE A FARLO da un’altra parte, non posso preoccuparmi del fatto che in quel momento ti manco di rispetto!!
    è chiaro il concetto?

    Sei libero di credere in quello che vuoi!
    Ma non se per colpa delle tue convinzioni qualcuno deve soffrire!!!
    Perché in tal caso io smetto di rispettare ciò che prima rispettavo (le tue convinzioni) e preso dallo scatto di ira smetto di rispettare anche chi SEGUE quelle convinzioni (cioè tu come persona e gli altri credenti)

    Ma poi i parroci come ve le hanno descritte le crociate?
    “gite turistiche alla scoperta di facinorosi miscredenti”?

  13. lm ha detto:

    …ti precludi la possibilità di risolvere…

    lo dici tu. il Pensatore ha cercato di spiegartelo cinquanta volte che le sue risposte sono laicamente logiche indipendentemente dal fatto che egli sia cattolico o meno.

    ma tu non ascolti, e per non confrontarti con la sua opinione, gli scarichi addosso le accuse di avere i filtri della confessionalità.

    ti posso dire una cosa? no? te la dico lo stesso: se uno non appartiene alla tua categoria di libertario che non crede a un cavolo tu non sei in grado di accettare quel che c’è di ragionevole nell’altro. è una questione di partito preso. Anche tu sei un religioso del tuo non credere.

    rileggiti i tuoi commenti e dimmi se sbaglio.

    anzi, no, lascia stare perchè “non c’è verso di comunicare”

  14. Sharino ha detto:

    lm tu sei dentro e io sono fuori, non c’è verso di comunicare, mi dispiace.
    i filtri sono delle brutte bestie….

    Riguardo il tirare in causa qualcuno o qualcosa: non puoi risolvere un problema senza discuterne gli elementi. Se un argomento diventa tabù, ti precludi la possibilità di risolvere.

    @lm & Marco (riferendomi contemporaneamente a legge, vita, medicina, chiesa e soprattutto informazione politica)

    “E’ uno sforzo disumano
    per colui che ha accettato
    l’autorità come verità
    riconoscere
    la verità come autorità”

    Sharino.

  15. lm ha detto:

    Anto’, un contenuto fondamentale e storico della Torah sono le tavole della legge portate giù dal monte da Mosè.

    Dalle tavole abbiamo i 10 comandamenti che come è noto sono anche la “legge” che Cristo ha confermato, migliorandola secondo la Sua missione, nonchè la base sostanziale del diritto positivo, almeno, delle società occidentali.

    se spieghi che c’entra la non validità scientifica con i 10 comandamenti, forse potremmo parlarne. ma siccome ll’argomento è OT ed il post riguarda le macerazioni che tutti abbiamo per il caso di Eluana, non credo sia il caso.

    in ogni modo, non so se a te piaccia o meno, ma io ho parlato della “legge” (antica ma non per questo non valida per giudei e cristiani) che impone di non nominare il nome di Dio invano perchè nei vari commenti di questi ultimi giorni diversi buontemponi hanno voluto mettere di mezzo Dio, irridendo. Mentre invece, il nostro Pensatore ha cercato di porre il problema della Englaro sul piano laico della difesa della vita.

  16. Sharino ha detto:

    Marco… sveglia…. quello le regole te le ha già date, e sono belle che consolidate… 😉

    ————-
    io del catechismo ho vaghi ricordi……addirittura……..
    ma crescendo ho notato che i principi cristiani erano gli stessi di cui via via mi convincevo, soprattutto nel confronto con gli altri…
    ——–[MC]

  17. Marco Caruso ha detto:

    allora anche la mia è no!

    quando vado in Chiesa o dal parroco non cerco un suggeritore di regole, ma mi metto ad ascoltare un punto di vista e mi faccio chiarire i dubbi che mi sorgono. Non sempre ottengo le risposte che cerco, ma solitamente esco di lì con le stesse idee con cui sono entrato…le mie!

  18. Sharino ha detto:

    —-
    vuoi farmi credere che tu non hai regole morali?
    —[marco]

    Non è la domanda corretta….

    “hai regole imposte da funzionari pagati per dartene?”
    Questa è la domanda corretta, e la risposta è no.

  19. Marco Caruso ha detto:

    “ciao” anche a te, Antonio…

  20. Antonio ha detto:

    Ciao a tutti,

    @ Marco
    ma dove sono stati i nostri politicanti dal 2005 ad oggi?
    il caso Welby è passato da un po’ ma alle parole non sono mai seguiti i fatti.

    Quoto in pieno e non aggiungo altro.

    @ lm

    è decisamente OT, ma mi devi spiegare su cosa la Torah è valida se non sei ebreo. Giusto per capire un pò, perchè è un valido libro religioso, se hai fede, e contiene delle leggi, se sei ebreo. A me va benissimo che sia valido per chi ci crede, ma vorrei capire per cosa altro è valido, visto che scientificamente non è assolutamente valido.
    Scusate per l’OT.
    ciao

    Antonio

  21. Marco Caruso ha detto:

    @ Sharino: vuoi farmi credere che tu non hai regole morali?

  22. Sharino ha detto:

    Marco sei un bravo ragazzo, e quindi sarebbe difficile convincerti che (ad esempio) ho fatto bene a commettere un omicidio: hai delle regole morali che te lo impedirebbero.

    Allo stesso modo hai una specie di “chip” che ti fa da filtro su determinati argomenti.

    Accettalo, non è mica poi tanto grave 😉

  23. Marco Caruso ha detto:

    Ci sono io Pippo…io sono contrario all’interruzione dell’alimentazione e al tempo stesso contrario a questo decreto.

    mi sembra la soluzione più sbagliata ad un problema che condivido e per cui ritengo ci si debba battere. Ma gli strumenti per farlo non possono essere frutto dell’ipocrisia con cui si vorrebbero mascherare gli errori commessi in passato.

    questo decreto mette il governo nel ridicolo e non può rappresentare una risposta concreta, visto che molto probabilmente non andrà più in là di un annuncio.

    ma dove sono stati i nostri politicanti dal 2005 ad oggi?
    il caso Welby è passato da un po’ ma alle parole non sono mai seguiti i fatti.

  24. lm ha detto:

    Shari’, sei un buontempone.

    (guarda che non è una cosa offensiva)

    una cosa talmente connaturata, la cui validità ha retto a tremila anni di assalti, e mo’ vieni tu a dire che non sarebbe necessariamente valida.

    Ma neanche Voltaire, che ridicolizzò a morte gli ebrei, la mise in discussione…

  25. pippo io ha detto:

    povero pensatore;-)

    Qualsiasi cosa si pensi al riguardo si è arrivati al punto di essere in errore o perlomeno di essere assalito dai dubbi. I latini dicevano anche in medio stat virtus. In questo momento c’è magari qualche cattolico contrario all’interruzione dell’alimentazione e contrario a un decreto forzoso e forzato (forzista?)

  26. Marco Caruso ha detto:

    Sharino non esagerare…….nessuna regola impedisce di pensare…agire è un altro discorso, ma pensare… lo dicevano anche i latini: cogitationis poenam nemo patitur.

  27. Sharino ha detto:

    Infatti in merito non puoi pensare nulla marco, hai regole precise che te lo impediscono, e sono intrinsecamente inviolabili in quanto al di sotto della tua coscienza, mi dispiace 😉

    Dopotutto ci sono ragazzine che implorano le madri di essere infibulate… di che mi sorprendo io?

    @lm
    non è detto che una cosa antica sia necessariamente valida 😉

  28. Marco Caruso ha detto:

    non so proprio che pensare, credimi lm…

  29. lm ha detto:

    some significa sono: sono materia del parlamento

  30. lm ha detto:

    il decreto non toccherebbe i giudici perchè vincola chi assiste i soggetti non in grado.

    pensa se il governo lo presenta alla firma e Napolitano non firma! tra l’altro Cossiga ha detto che i requisiti di necessità e urgenza some materia del parlamento e non del capo dello stato.

    che ci sia necessità ed urgenza non si discute: si tratta della vita o della morte di un disabile.

    Pensato’, complimenti per la forza che metti nel sostenere il tuo principio qui ed altrove.

    mi dispiace che per contraddirti nominino il nome di Dio invano. e pensare che la Torah fu scritta migliaia di anni prima che sti buontemponi nascessero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: