Basta!

C’è una sentenza, c’è la fortissima volontà del padre di assecondare le volontà (presunte) della figlia, ma soprattutto non c’è nessuna legge in grado di colmare quel vuoto legislativo in cui si è inserita la magistratura e tale da evitare le conseguenze della decisione adottata dai giudici.
Se c’era qualcosa da poter fare si doveva fare prima.
Ma come al solito, i nostri governanti non sono mai abbastanza lungimiranti e pensando troppo al presente incappano sempre nell’errore più grave: non guardare al futuro.
Oggi quindi, c’è spazio solo all’indignazione e a qualsivoglia tentativo, seppur disperato, di convincere papà Englaro a tenere in vita Eluana. Ma non si può assistere a questo stillicidio di sotterfugi politici con cui si vorrebbe rimediare in extremis agli sbagli precedentemente commessi.
Niente decreti, niente leggi ad hoc, niente più rifiuti ministeriali in cui si accampano scusacce divenute ormai ridicole.
Ribadisco: quel che si poteva fare si DOVEVA fare prima.
Che sia di lezione, almeno!
Eluana, a questo punto, non può esser salvata dalla politica. L’ultima “arma” rimasta è la pietà, la compassione. Ovvero, sentimenti di cui i politicanti di oggi non possono più farsi rappresentanti, perchè puzza troppo di ipocrisia: silenti finchè la cosa non li tocca e poi d’un tratto molto attivi quando sentono il profumo delle masse elettorali in movimento.
Stop! Basta!
Finitela di acutizzare una situazione già portata all’estremo del clamore mediatico.
Il tempo per difendere il principio che la Vita è IL bene fondamentale ed inviolabile è ormai trascorso.
La politica lasci il passo. E si prepari al DOPO. Affinchè non ci si trovi più di fronte ad altri casi come quelli di Eluana.

Comments
32 Responses to “Basta!”
  1. Marco Caruso scrive:

    Paolo, ma di quale sofferenza parli? Quella del padre, perchè di quella di Eluana non si sa niente. Sappiamo solo che per alleviare una presunta sofferenza si è disposti a toglierle acqua e pane per oltre 10 giorni e farla morire di stenti. Una morte dignitosissima…..si, davvero…..

  2. Paolo Marani scrive:

    Lasciamola andare quella povera ragazza.
    Pochi hanno presente che aspetto può avere una persona dopo 17 anni di piaghe da decubito, deve essere al di la dell’immaginazione.
    Una sofferenza indicibile. Nemmeno ai cavalli si fa tanta violenza.

    Lasciamola andare!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: