Quando la Costituzione è di troppo.

Leggo sulla hp di Repubblica: “Pronta una legge allunga-processi se la Consulta boccia il Lodo Alfano

Mi incuriosisco e continuo a scorrere l’articolo:
AVVOCATI più potenti, anzi potentissimi.
Penso: che avrà mai fatto stavolta?
Prosegue la giornalista:
Capaci di allungare a dismisura i tempi di un processo con un nuovo strumento nelle loro mani: “interrogare” tutte le persone che vogliono e “convocare” i testi a difesa “nelle stesse condizioni dell’accusa“.
Porca puttena (scusate, ma a volte ci sta), avete capito cosa vuole quel manigoldo di un Berlusconi? Che la difesa abbia gli stessi pari diritti dell’accusa.
Sacrilegio. Un vero sberleffo alla Costituzione, che dice chiaro e tondo che……….un momento: cosa dice la nostra amatissima ed insostituibile Carta Fondamentale in merito?
Nell’articolo ci fanno sapere anche questo:
cambia un articolo del codice di procedura penale (il 190 sul diritto alla prova) e c’infila dentro pari pari il dettato costituzionale sul giusto processo. Le parole del famoso articolo 111, riscritto, discusso e approvato (era il 5 gennaio del 2000) negli anni del centrosinistra con plauso bipartisan

Ok, cosa dice il 111 della Costituzione?

Ogni processo si svolge nel contraddittorio tra le parti, in condizioni di parità, davanti a giudice terzo e imparziale. La legge ne assicura la ragionevole durata.

Nel processo penale, la legge assicura che la persona accusata di un reato sia, nel più breve tempo possibile, informata riservatamente della natura e dei motivi dell’accusa elevata a suo carico; disponga del tempo e delle condizioni necessari per preparare la sua difesa; abbia la facoltà, davanti al giudice, di interrogare o di far interrogare le persone che rendono dichiarazioni a suo carico, di ottenere la convocazione e l’interrogatorio di persone a sua difesa nelle stesse condizioni dell’accusa e l’acquisizione di ogni altro mezzo di prova a suo favore; sia assistita da un interprete se non comprende o non parla la lingua impiegata nel processo.

Ecco…visto? C’è da essere scandalizzati!
Berlusconi vuole applicare la Costituzione.
Ma dove arriveremo mai?
E perchè mai la difesa, in un processo penale, dovrebbe avere gli stessi diritti dell’accusa?
Siamo matti? Che strumenti “potentissimi” vogliamo lasciare nelle mani di chi si vede messo alla sbarra e può esser condannato? Vogliamo forse che possa difendersi con ogni mezzo, così come l’accusa può incastrarlo con ogni mezzo?

Beh, forse si……..ci potrebbe anche stare.
Però c’è di mezzo Berlusconi.
Eh già.
Non è assolutamente accettabile che il signor Berlusconi possa difendersi dalle imputazioni che gli sono state mosse dai PM di Milano.
No no no e poi no.
Pensate a cosa succederebbe se il Cavaliere e i suoi avvocati potessero far testimoniare le persone che credono possano scagionarlo?
Vogliamo forse che le accuse cadano così in fretta?
Meglio di no.
Meglio invece preoccuparsi di tirare in ballo di nuovo il pericolo della prescrizione.
Eh si, eh!
Se diamo questo “strumento potentissimo” nelle mani di chi deve discolparsi finiamo che Berlusconi ce la fa di nuovo sotto al naso.
Certo, bisogna ammettere che i magistrati che indagano su di lui si accorgono sempre troppo tardi degli illeciti che presumono abbia commesso e poi perdono un sacco di tempo tra indagini e ricerca delle prove e dibattimenti interminabili perchè non riescono mai a trovare l’elemento che lo incastri “oltre ogni ragionevole dubbio”, ma questo è un dettaglio.
Sotto accusa c’è il Cav.
Contro di lui val bene anche tradire la Costituzione.

votami-su-oknotizie19

Annunci
Comments
12 Responses to “Quando la Costituzione è di troppo.”
  1. Asdrubale88 ha detto:

    Antonio la tua analisi è sbagliata: il PM non è parziale, perchè può chiedere sia l’assoluzione, che la condanna dell’imputato.
    Questo a garanzia stessa dell’imputato, se non sbaglio.

  2. Marco Caruso ha detto:

    Giovanni, al di là dei tempi di prescrizione che possono essere e andrebbero modificati, c’è anche da dire che molto tempo si perde perchè la macchina in sè funziona male.
    fai conto: un reato punito con pena a 10 anni di carcere si prescrive in 15 anni.
    ora, vuoi che in 15 anni non si possano sentire un centinaio di testimoni? (che poi non è che puoi chiamare chi ti pare, tipo: il vicino di un amico che mi ha raccontato che sua sorella gli ha detto di un parente lontano che abita accanto a Tizio…) Ammesso che siano davvero così tanti?
    Bisogna che i magistrati lavorino di più….la prescrizione può anche esser modificata ma non risolve il problema.
    per i reati più gravi è già altissima come tempi……..si arriva a 20 per gli omicidi, per esempio….
    cazzo…..vuoi dirmi che in vent’anni non riesci a stabilire chi è l’asssassino e ha condannarlo tre volte (una più rapida dell’altra, perchè tra primo grado e appello ci sono differenze e ugualmente tra appello e cassazione)?

  3. Giovanni ha detto:

    Ok, vuoi difendere questo principio? Mi può pure stare bene, ma togliamo la prescrizione per i reati gravi, sennò stiamo solo dando all’avvocato il potere di far andare a puttane tutti i processi che vogliono e soprattutto di allungarli ancora di più. L’intento del governo non doveva essere quello di ridurli i tempi? Facciamo in modo che l’avvocato non abbia interesse a chiamare testimoni per allungare i tempi. Sei daccordo o no?

    Se non sei daccordo allora non ti rendi conto che così si sta facendo una legge che manda a put…ne la giustizia. Spiegami come farà un giudice a far condannare un ladro prima che vada in prescrizione il reato. Non potendo più stabilire se un test è necessario o meno il ladro potrà chiamare tutto l’elenco telefonico del suo paese a testimoniare e il giudice non potrà dire niente e dovrà rimandare udienze su udienze per ascoltarli tutti finchè non arriva la prescrizione e il ladro torna a casa sua. Questo è fare funzionare la giustizia?

  4. Marco Caruso ha detto:

    ….il giudice è obbligato a sentire i teste che la difesa intenderà sottoporgli……proprio come da dettato costituzionale.

    ed è proprio in quest’obbligo per il giudice che si evidenzia il diritto della difesa alla difesa alla pari con l’accusa…

  5. Antonio ha detto:

    Ma cosa c’azzecca l’accusa o la difesa? Qui è il giudice che resta con le mani legate! Da quello che si legge nell’articolo, non avendo sotto mano, e né tanto meno avendo voglia di andare a cercarmi l’ennesimo provvedimento sulla giustizia di questo Governo, sembra che il giudice sia “obbligato” ad ascoltare qualsiasi volontà della difesa. Nello specifico, il processo penale ha tre soggetti: a) pm, che accusa (parziale); b) difesa, che si difende (parziale); c) giudice, che decide (imparziale). Se ll giudice, in passato, riteneva manifestamente infondate le richieste della difesa le poteva respingere (all’accusa non vi era bisogno perché le indagini vanno fatte prima, e quindi i vari interrogatori e quant’altro vanno fatti tutti prima, durante le indagini preliminari, e al massimo nell’udienza preliminare). Se è vero quello che scrive la giornalista di Repubblica (ormai è bene diffidare dei giornalisti, quindi prendo col beneficio di verifica quanto detto), è ovvio che l’inserimento di un obbligo di questo tipo per il giudice sia uno strumento dilatorio. E il fatto che questo presunto strumento dilatorio sia stato inserito dallo stesso indagato (ormai ex indagato, salvo buone notizie dalla Consulta) è, ovviamente, grottesco.

  6. Marco Caruso ha detto:

    guarda che in teoria, visto che siamo in Italia, è meglio avere un cliente assolto che un cliente prescritto…

    e poi chi ti dice che la difesa non abbia realmente bisogno a portare tutti quei testimoni?

    poi…sono in parte d’accordo con te: non eliminiamola, ma almeno allunghiamo i tempi di prescrizione…oppure troviamo una soluzione che faccia conciliare i diritti di tutti…

  7. Giovanni ha detto:

    Ti dico solo che l’accusa (che poi sarebbe il PM che non è obbligato a perseguire la condanna dell’imputato, anzi è obbligato a chiedere l’assoluzione se trova prove che lo dimostrino) non ha interesse a far andare in prescrizione un reato. L’avvocato si. Se il PM porta 100 testimoni lo fa perchè pensa che siano utili a scoprire qualcosa, se l’avvocato porta 200 testimoni lo fa per allungare il brodo e mandare tutto a put…ne. Ti sembra normale che ad un processo un imprenditore accusato di concorso esterno in associazione mafiosa possa avere la facoltà di portare 3000 testimoni senza che nessuno possa dirgli niente e finire prescritto e non avere una condanna?

    Allora io dico, vogliamo fare questa legge? Ok, però eliminiamo la prescrizione per tutti i reati con pene superiori a 5 anni. Così gli avvocati potranno presentare tutti i testimoni che vogliono ma saremo ugualmente sicuri che il processo avrà una sentenza e i delinquenti non resteranno impuniti. Indipendentemente che si tratti di Berlusconi o di chiunque altro.

  8. Marco Caruso ha detto:

    onestamente, no….non capisco perchè mai dovrei oppormi pregiudizialmente ad una proposta di legge…

  9. Cougar ha detto:

    Capisci perché è malsano che una persona indagata come B. faccia una cosa del genere?
    Anche le cose buone possono trasformarsi in m***a …

  10. Marco Caruso ha detto:

    scrivere scrive bene, Travaglio.
    il problema è ciò che scrive. Il come, ormai, lo sappiamo: è bravo con la grammatica e la sintassi.
    Ma nei contenuti è una sbavatura continua.

    a me pare che il principio del giusto processo possa esser discusso e applicato al di là delle solite storie su Berlusconi…
    oltretutto, si parla di ipotesi, quindi…

  11. pippo io ha detto:

    http://www.voglioscendere.ilcannocchiale.it/

    Travolgente Travaglio!!! eccezionale, puntiglioso e gran pezzo giornalistico!

  12. Caposkaw ha detto:

    ma che cattivo che sei!
    chiedi addirittura il rispetto dei diritti umani per berlusconi!
    sei malvagio!
    questi qua vorrebbero che berlusconi fosse squartato e divorato sulla pubblica piazza solo perchè è berlusconi!
    come fai a dire che sono boia e cannibali?
    è colpa di berlusconi!
    (ahr ahr ahr!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: