Democrazia piegata.

Ieri ci siamo salutati con l’eco delle ultime vigliaccate del governo Prodi: Visco che ordina di pubblicare online i redditi di qualunque contribuente italiano e la Turco che cambia le linee guida della legge 40 sulla fecondazione assistita con un tratto di penna all’ultimo sgocciolo di legislatura.
Entrambe le faccende erano da tempo sul tavolo dei suddetti ministri e quindi da tempo conosciute dall’intera legione di onorevoli del PD. Entrambe le faccende sono state debitamente taciute, testuali parole, onde evitare di scatenare ulteriori polemiche in campagna elettorale.
Tanto basta per provare un rigurgito di sdegno verso tanta protervia, tanta arroganza, ma siccome siamo in Italia, per sentirci indignati c’è sempre ben più di un motivo.
Succede quindi, che non solo dobbiamo subire sì tanta prevaricazione da parte dello Stato, ma dobbiamo pure sorbirci le sconce parole di chi difende simili storture democratiche.

E vengo al nocciolo della questione, per come la vedo io.
Sono due le possibili riflessioni.
Una, già fatta ieri, riguarda il pericolo di scatenare un eccesso di vouyerismo (di guardonismo) utile solo a creare invidia sociale (come dice anche il mio amico Kagliostro) col solo fine di scatenare una corsa alla delazione dell’amico o del vicino che ha qualcosa in più di te.
L’altra, che mi sembra un bel po’ più importante, nasce dal teorema logico con cui in molti hanno inteso difendere la trovata del viscido Visco, proponendo come “fatto di Democrazia” l’eposizione al pubblico sbircio dei conti di casa nostra.
La messa online delle nostre dichiarazioni (di tutti, dai vips ai pezzenti del condominio più periferico di Roma) rispondeva perfettamente, secondo questi cervellotici indottrinati, al principio di Trasparenza che sta alla base della Democrazia.

Ora, di fronte ad argomentazioni simili a me si accappona la pelle.
E mi spiego:

La trasparenza è requisito democratico verso i poteri pubblici! Sono essi a dover esser limpidi agli sguardi dei cittadini e non invece i privati nei confronti degli altri privati!
In questo modo si è perciò, a mio giudizio, fatto proprio un principio democratico e lo si è storto a fini ideologici.
Il che è gravissimo!

Ma del tutto spiegabile! Come concetto coincide perfettamente al modello di rapporto Stato/Cittadino di stampo sovietico; non solo però: anche al modello di rapporto, sempre di stampo stalinista, tra Cittadino e Cittadino, là dove è la proprietà privata stessa, in tutte le sue forme, ad essere negata.

Ecco perchè non mi stupisce che una “cainata” di questo tipo sia arrivata dall’unico posto da cui ci si poteva aspettare che arrivasse…e cioè dai banchi degli eredi di quel pensiero socialista che tanto male ha fatto ovunque abbia trovato terreno fertile in cui affondare le proprie radici. L’Italia è stata la patria del partito comunista più forte d’Europa, quel PCI che si è poi trasformato in PDS, poi in DS ed ora in PD!

Triste.
Soprattutto vedere un concetto come quello di democrazia piegato in maniera bieca da coloro che tanto si riempiono la bocca di quello che ormai, a quanto pare, non può che esser considerato per loro giusto un termine.
Punto e basta!

Che schifo!

PS: si scopre poi che VIOLA LA PRIVACY non soltanto per Elio Vito o per Renato Brunetta, ma anche per il garante della privacy che ordina lo STOP categorico di quelle pubblicazioni.

PPS: si scopre ancora che NON E’ VERO CHE IN TUTTO IL MONDO SI FA COSI’.

PPPS: si compre infine cosa fa durante la giornata il ministro Visco: guarda telefilm americani.
Che gioia avrà avuto nel sapere che potrà guardarne quanti ne vuole dalla mattina alla sera per almeno 5 anni!!!

What else?

Annunci
Comments
5 Responses to “Democrazia piegata.”
  1. Gwath ha detto:

    mmmm…, “Visco il viscido”…, è vero lo descrive in pieno…!

  2. ilpensatore ha detto:

    anche “viscidi” non sarebbe male come descrizione…

  3. Gwath ha detto:

    Concordo molto sul fatto che hai scritto: che il governo in carica ha il dovere verso i cittadini di essere limpido nelle emanazioni delle leggi, soprattutto per quelle che riguardano i cittadini personalmente.

    C’è solo un termine per descrivere Visco e la Turco (Visco in maniera particolare): SUBDOLI.

    Non c’è altro termine per definire le loro azioni (e quindi loro stessi): sono subdoli.

  4. ilpensatore ha detto:

    comunismo e socialismo sono legati a doppia mandata…

  5. Pioneer Skies ha detto:

    Occhio: hai messo un “socialista” in mezzo ad un sacco di “comunista” che, evidentemente, ci fa un po’ a pugni… ^_-

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: