Veltroni sconfitto dalla Storia. Ancora!

Con una mossa subdola, che puzza di retorica e di stantia ipocrisia, Walter Veltroni, colto da uno dei tanti raptus di onnipotenza di cui ogni tanto soffrono “i migliori”, ha preso carta e penna e ha scritto a Berlusconi. Anzi, ha scritto ai giornali.
Una lettera, per chiedere al candidato a lui avverso nella corsa a Palazzo Chigi, che si impegni a mantenersi leale verso la Repubblica e la Costituzione.
Non bisogna essere degli illuminati per capire che il riferimento, neanche tanto velato, è alla Lega Nord, i cui leaders a volte rendono indifendibile, a parole, ma che allo stesso tempo, nei fatti, si è sempre dimostrata fedele all’Unità Patria.
Eppure il bersaglio non era certo Berlusconi, nè Bossi, bensì il bacino elettorale ad oggi più ambito: quello degli indecisi. E in particolar modo quello degli indecisi di centrodestra.
Il tentativo, maldestro e grottesco (si, grottesco, perchè viene da ridere e insieme da piangere a leggere questi “inviti” lanciati da uno che ha da sempre fatto comunella con quelli che in passato volevano vendere l’Italia all’Unione Sovietica e che ai tempi nostri si sono distinti bruciando le bandiere italiane gridando 10 100 1000 Nassiryah) è proprio quello di indurre nell’elettore un sentimento di diffidenza nei confronti di uno degli alleati storici del Cavaliere; l’alleato più colorito, diciamo pure folkloristico della coalizione, quella Lega Nord descritta sempre e soltanto come un partito di pazzi facinorosi dediti alla sovversione dell’ordine democratico e speranzosi di una secessione totale dall’Italia.

Niente di più sbagliato ovviamente.

Lasciando pure stare l’ignoranza e la megalomania di un candidato che vuol fare in anticipo le veci del Capo dello Stato, giocando ad esser difensore ultimo della Patria (caro Walter, il giuramento si fa, per legge, ma lo si fa dopo esser stati eletti e davanti al Presidente della Repubblica, e men che mai attraverso i giornali!), a sfavore della strisciante accusa di Veltroni gioca la Storia.

Berlusconi ha già giurato e governato con la Lega di Umberto Bossi. Lo ha fatto per tre volte.
E mai niente è stato fatto contro il Paese; mai niente ne ha anche solo scalfito la sua unità!

Si capisce allora, che l’appello di Walter è pura demagogia da dare in pasto ai media, nella speranza che qualche sempliciotto abbocchi all’esca della preoccupazione.
Niente di più falso però!

Niente di più triste…

Annunci
Comments
7 Responses to “Veltroni sconfitto dalla Storia. Ancora!”
  1. Anonimo ha detto:

    SATIRO LA DROGA FA MALE

  2. satiro ha detto:

    Mio caro “Pensatore”, sei una persona onesta? Paghi le tasse? Per caso vai in giro picchiando negri e violentando puttane?
    A quest’ultima domanda risponderai no, vero? Così come risponderai fieramente di si alle prime due. Sono contento per te; sei una persona civile come anche io lo sono.

    Ora rispondimi sinceramente: se venisse un nazi-pluriomicida a chiederti di dichiarare di pubblicamente che eri sei e sarai sempre una persona civile, avresti problemi nel farlo? Oppure avanzaresti scuse dicendo che il tuo interlocutore non può dirsi altrimenti?

    Illuminaci!

  3. Vax ha detto:

    Penso che il demagogico in questo caso sia l’autore dell’articolo, in linea con il suo piccolo leader, parlando di comunismo, di gente che brucia le bandiere italiane e così via….. questa è l’antipolitica che ha maestralmente insegnato Silvio in questi anni, ed alla quale in molti si sono adeguati…..

  4. ilpensatore ha detto:

    Mica vero, Fulvio!
    La Lega ha sempre avuto il giusto peso all’interno del PdL e se poi il suo obiettivo è quello del federalismo fiscale, ben venga: non temo, sinceramente, che i vari calderoli e maroni non abbiano a cuore l’unità d’italia…ma è pur giusto, già che un federalismo c’è e si chiama potestà legislativa regionale, che questo sia vero e soprattutto responsabile. Il sud non è che deve cavarsela da sè, ma deve pur cavarsela senza tutto l’aiuto che oggi ha.
    fino a prova contraria, è con questo sistema che il meridione è stato lasciato alla deriva. Aiuti su aiuti a fondo perduto e nessun controllo…e così oggi sembra ci siano due Italia! un ottimo risultato per chi si fa promotore dell’Italia unita!

    vabbè…andiamo oltre.

    sulla lettera di veltroni ti posso rispondere così: chi cavolo è veltroni per chiedere al suo avversario di professare lealtà alla repubblica? e poi: chi è il suo avversario per doversi far chiedere lealtà alla Patria?

    questo si chiama “ego smisurato”, unito ad un irrisolto complesso “dei migliori”.
    veltroni stava con quelli che volevano firmare il patto di varsavia e a roma ha stanziato valanghe di soldi per sostenere i centri sociali, quelli delle bandiere bruciate, dell’anarchia…
    andiamo…per voi tutto quello che fa berlusconi è merda, ma fareste bene a intendere le mosse dei vostri idoli anche in altra maniera!
    questa si chiama demagogia…

  5. Fulvio ha detto:

    Allora innanzitutto vorrei dire che se la Lega non ha potuto fare “nulla” nei precedenti governi è perchè non aveva il potere di farlo perchè non aveva l’influenza che avrebbe ora nelle decisioni se il PdL vincesse.. la Lega ha come obiettivo principale quello del federlismo fiscale, che come concetto è ultramoderno, se portato avanti da persone che hanno cura dell’unità nazionale, non di chi pensa che il sud debba sbrigarsi le sue faccende da solo o che ritiene che l’immondizia di Napoli non è una cosa che riguarda tutta l’Italia e nemmeno di chi pensa che Roma sia come un imbuto in cui i soldi arrivano e poi non vengono distribuiti e non capisce che è anche grazie al patrimonio culturale che la nostra capitale ha, che l’Italia non è ancora alla completa deriva.. Riguardo la lettera di Veltroni, io credo che chiunque sia libero di fare ciò che vuole, siamo in campagna elettorale, lui ha pensato di fare questa mossa credendo che fosse la mossa migliore per convincere gli indecisi di centro destra a votare per lui.. che lui si faccia portatore di certi valori, bè è chiaro solo che lui ha il coraggio di gridarlo a voce alta anche a coloro che bloccano lo sviluppo dell’Italia.. a tutti quei mafiosi che non hanno come interesse il bene nazionale, ma solo quello di fare affari in modo illegale a danno di tutta la comunità.. il candidato dello schieramento a noi avverso comunque ha risposto nel modo più idiota che poteva fare.. riecheggiando un comunismo che non esiste più e di cui sicuramente Veltroni non è portatore e questo si vede dal programma che di comunista non ha proprio niente.. Bossi è un ignorante e si sa..l’atteggiamento politcally scorrect non fa che aumentare quell’antipolitica che si sta diffondendo in questo Paese (grazie anche a Grillo) e che sta facendo più danni che altro..

  6. ilpensatore ha detto:

    Fabio…non sai quante volte sia stato tentato di votare Lega! e non è certo la mia origine meridionale ad impedirmi di crociare su alberto da giussano! semmai è la mia più accanita simpatia nei confronti del Cav che mi spinge tutte le volte a scegliere lui piuttosto che bossi. Ma tanto son tranquillo, perchè alleati come la lega non si perdono per strada…

    detto questo, purtroppo c’è questa leggenda da cui non ci si riesce proprio a liberare: la lega ha ormai abbandonato, se ne ha mai avute, le derive secessioniste del primo periodo…ed oggi va proponendo e dicendo ciò che molti fanno i signorini e hanno paura di dire.

    conosco tanti meridionali che approvano le proposte leghiste.
    così come conosco una valanga di sinistrorsi che tra amici parlano peggio di un borghezio incazzato, ma poi nell’urna fanno i sofisticati e i progressisti di maniera!

    che ci posso fare…a me piacciono le persone schiette.

    al bando il politically correct…

  7. Fabio ha detto:

    Da leghista quale sono non posso che apprezzare finalmente un amico del sud che ha il coraggio di esprimere opinioni oggettive sulla Lega senza lasciarsi corrompere dalle notizie urlate dai soliti quotidiani e telegiornali di partito (sinistro, ovviamente). Berlusconi ha governato con Bossi e l’unità d’Italia non è mai stata scalfita. La parola secessione è sparita da tempo dai comizi della Lega. Ma poi davvero qualcuno è mai stato convinto che gli italiani si sarebbero messi l’uno contro l’altro? Un’Italia in cui buona parte del nord è composto da originari del sud? Tu vivi a Firenze, io ho vissuto a Roma (amo Roma e ho tanti amici al sud…qualcuno pensa che i leghisti così non esistano…). Qualche volta però nei comizi bisogna usare toni forti e metafore perchè ai comizi c’è anche gente che sentendo la parola devolution pensa che sia l’ultimo modello della Alfa. Ma Lega è il partito di tutti i ceti (e tutti dovrebberlo esserlo), è il partito vicino alla gente che non vive nei palazzi del potere, al popolo che non sa che farsene delle dissertazioni filosofiche degli “intellettuali”, è il partito “populista” (ma fare ciò che il popolo vuole è sbagliato? Non è per quello che vengono votati?) Veltprodi non l’ha mai preso il pullman di notte a Milano (o a Roma, o a Napoli), Veltprodi non abita nelle case popolari, Veltprodi non è una ragazza che torna a casa dal lavoro di sera da sola. E allora Bossi nomina i soliti fucili, la secessione e così via. Anche perchè serve per guadagnare spazio nell’informazione: un Bossi che dice “attueremo una ferma opposizione a …” passa in sordina.
    Dici bene un alleato “colorito” e “folkloristico”, ma mai violento. In compenso in Italia sembra che spaccare vetrine e assaltare le forze dell’ordine non sia reato se lo si fa sventolando la bandiera della pace.
    Meglio il politicaly scorrect se serve per difendere la nostra cultura, la nostra tradizione, la nostra legalità, la nostra sicurezza. La politica dell’indulto, dei centri sociali, delle frontiere aperte, della tolleranza a senso unico non funziona, e Veltprodi, con o senza i suoi amici della sinistra redicale, va proprio in questa direzione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: