La legge elettorale non garantisce stabilità, ma un governo coraggioso si.

Partiamo da questo assunto: non esiste una legge elettorale perfetta. Altrimenti non se ne cambierebbe una ogni volta che ci si accorge che quella precedente non va più bene o non torna più comoda. Compreso il cosiddetto “porcellum”: non è perfetta. Ma neanche da buttare. E soprattutto non da imputare ad essa legge l’instabilità del governo Prodi.
Forse non tutti lo sanno, ma l’attuale legge elettorale ha garantito all’Unione di avere una discreta maggioranza di sicurezza alla Camera, seppure il professore avesse battuto il cavaliere per soli 24mila voti (roba che in Germania si sono accordati destra e sinistra nonostante un divario molto, ma molto più ampio dello 0,06%); non solo, ma ha anche garantito al sinistra-centro di ottenere la maggioranza perfino al Senato, per il quale invece aveva ricevuto centinaia di migliaia di voti in più il centrodestra dell’odiato Berlusconi. Poichè però non era possibile ribaltare del tutto il risultato elettorale è stato impossibile garantire a Prodi un numero di senatori superiore a quelli che realmente gli spettavano, compresivi del premio di maggioranza regionale (per come voluto dall’allora Pres. della Rep. Ciampi).

Già nello stesso mese di aprile del 2006, all’indomani delle elezioni e alla luce della palese instabilità numerica (oltre che quella presunta politica), il centrodestra propose un governo di larghe intese. Lo stesso per cui ieri venivano sbertucciati ed al quale oggi giustamente si oppongono.
Dico “giustamente si oppongono” perchè evidentemente Prodi e compagni erano convinti che si potesse governare anche con i numeri che gli aveva garantito questa tanto vituperata legge. Mai cambiata, peraltro, in oltre 18 mesi di legislatura!

Traiamo allora le dovute conclusioni.
Difficilmente una legge elettorale garantisce stabilità. Può forse rendere aritmeticamente le cose più semplici (se in senso maggioritari – ma anche meno aderenti alla realtà, perchè non conta più tanto il numero di voti singolarmente contati, bensì vale un meccanismo di calcolo astruso che assegna il “premio di maggioranza”), ma è inevitabile che sia soltanto un buon accordo politico l’unico viatico alla tenuta di un esecutivo e della maggioranza che lo sostiene!
In passato, e con ben altre leggi elettorali in vigore, sono caduti ben oltre 50 governi in 50 anni. E lo stesso governo Berlusconi, quello della maggioranza plebiscitaria in Parlamento, ha avuto grosse difficoltà a riformare il Paese, proprio a causa dei dissensi interni alla coalizione.

Dunque: da fastidio sentir dire che tutto ruota attorno ad una legge elettorale. Perchè sappiamo bene tutti che non è quella che garantisce al Paese la stabilità di cui un governo necessita per compiere la sua azione legislativa senza interruzioni.

Sarebbe meglio semmai sentir parlare di elezioni con la proposta di governi forti, decisi a spendersi fino all’ultimo per la risoluzione dei mali dell’Italia. Chi ci sta, bene, altrimenti ciao.
Invece no! Oggi va di moda il governicchio delle larghe intese. Che dovrebbe fare quello che in 50 anni nessuno ha avuto il coraggio di fare…perchè pur di stare al potere non ha voluto scontentare o far incazzare troppo nessuno.

Forza, allora! Elezioni! Governo coraggioso! E avanti con le Riforme!
Destra, sinistra…che importa?!
Certo, il centrosinistra ha dimostrato di saperci stare proprio poco al governo, ma dovesse rivincere mi augurerei lo facesse con serietà, mettendo da parte l’antiberlusconismo ed evitando la contrapposizione “noi buoni” “voi cattivi”.
Detto questo…spero che dalle urne esca stravincitore il centrodestra. Al quale auguro la maggior responsabilità possibile per rifondare veramente questo Paese allo sbando.
Se poi qualcuno, da sinistra, si sentirà abbastanza maturo e intelligente da appoggiare quelle riforme (ieri affossate e oggi tornate sulla bocca di tutti – leggasi modifiche alla Costituzione in senso federalista), beh…che lo faccia.

Annunci
Comments
One Response to “La legge elettorale non garantisce stabilità, ma un governo coraggioso si.”
  1. Caposkaw ha detto:

    condivido pienamente mio caro….
    ma la sinistra sembra che voglia far pagare il suo disastro a tutto il paese…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: