Multe e soprusi: quando non puoi sapere chi ti ha fatto la contravvenzione.

Dunque, stamattina volevo scrivere un post polemico sulla strampalata e malsana idea del Governo di aumentare il livello impositivo sulle rendite finanziare, compresi BOT e CCT, ma mi trovo costretto a polemizzare su un altro tipo di questione, sulla quale però spero di trovare maggiori convergenze del solito.

Si tratta del più classico caso di angheria che un comune possa attuare nei confronti del cittadino: la Multa!
Partiamo da un dato di fatto: siamo vessati!

Non bastavano i vigili urbani…hanno dato licenza di elevare contravvenzioni pure ai simpaticissimi Ausiliari al Traffico e perfino agli addetti del trasporto pubblico! in pratica, un qualsiasi autista di bus può prendere carta e penna e divertirsi a redigere verbali.
La domanda a questo punto nasce spontanea: ma…a che diavolo di titolo? E soprattutto: come ci si difende da questi satrapetti delle corsie preferenziali senza volto nè nome?

A me è successo proprio questo.
Oggi mi sono state recapitate ben due multe per circolazione in corsie riservate al trasporto pubblico; violazioni NON contestate sul momento per non arrecare intralcio alla circolazione dei veicoli in transito sulla corsia; e per di più verbalizzatte da personale ATAF (l’azienda locale di trasporto pubblico) di cui però non viene riportato nè nome nè altro.

Ora…qualcuno mi dica come può un qualunque cittadino difendersi da simili soprusi!!!!???
Non so chi sia stato a “beccarmi” in flagranza di violazione del Codice della Strada…e non posso nemmeno sapere quali prove ci sono a mio carico. O forse davvero basta che gli occhi di chi dovrebbe esser concentrato a guidare un pullman con decine e decine di persone a bordo si mettano in caccia di contravventori del C.d.S.?
Capirete bene che non è facile fidarsi di chi non si conosce nemmeno e che ben potrebbe aver voluto fare un favore al Comune, magari perchè riceve una percentuale, rimpinguando le sue casse attraverso multe e contravvenzioni palesemente inventate. In fondo, non ci vuole molto ad appuntarsi una targa ogni tanto e poi trascriverla insieme ad orario e giorno su un verbale da consegnare alla polizia municipale, con tanto di apposizione di una qualsiasi via nelle vicinanze dedicata al servizio pubblico!

Sono letteralmente furioso!
E penso proprio che opporrò un sonoro ricorso…anche a costo di pagare poi il doppio…ma perchè non provare a far valere i propri diritti?

Che schifo!

Aggiungo: mi viene in mente una domanda: poichè mi si da atto che non è stato possibile fermare il veicolo per non intralciare il traffico, ho il sospeto, così…vago, che dunque nemmeno l’autista del bus potesse arrestare la sua corsa, ergo, se entrambi in movimento, mi si dica se almeno è ragionevole pensare che il suddetto autista si sia dedicato più alla scrittura dei dati della mia macchina piuttosto che tenere concentrazione sulla strada e mani salde sul volane?! Al che: non è forse una violazione del C.d.S. stare alla guida senza avere entrambe le mani sul volante? e non è ancora più grave che a distrarsi sia il conducente di un mezzo a bordo del quale ci sono decine e decine di persone?

E’ semplicemente assurdo!

Un abuso…

Annunci
Comments
7 Responses to “Multe e soprusi: quando non puoi sapere chi ti ha fatto la contravvenzione.”
  1. Anonimo ha detto:

    ma sei passato sulla corsia preferenziale o no???? se sì ti sta solo che bene e paga le multe!!!!!!

  2. ilpensatore ha detto:

    ma infatti Raser, non si discute il mio torto, ma solo una certa preoccupazione per il fatto che siamo letteralmente alla mercè di chiunque abbia interesse a che il comune incassi più multe!

  3. raser ha detto:

    premesso che a sbagliare sei stato tu, come dice grandeliga, mi risulta che i dati di chi notifica la multa debbano esserci per legge, e quindi potresti tranquillamente fare ricorso al giudice di pace

  4. ilpensatore ha detto:

    beh, Grandeliga…buttarla su questi toni non porta da nessuna parte! io non nego di meritare la multa, ma mi chiedo solo se le regole vigenti tutelino in qulache modo il cittadino oppure no!
    nessuno si lagna, ma ci si pone domande come chiunque altro!
    e soprattutto…non è da questo che si deduce la civiltà di una persona…

  5. GrandeLIga ha detto:

    Il sopruso o abuso lo hai commesso tu. Su quella corsia non potevi andare ed ora ti lagni se ti multano. Le regole sono per tutti ma qualcuno pensa che siamo soltanto per gli altri.
    Prova a rispettare le regole del vivere civile e vedrai che di multe non te ne arriveranno.

  6. ilpensatore ha detto:

    eh, si K…il minimo comun denominatore si trova tutto nella disparità che in realtà abbiamo di fronte alla legge! siamo impotenti di fronte a simili abusi soprusi…

  7. Kagliostro ha detto:

    Pensa che da me oggi si parla proprio di giustizia: il tuo caso fa la coppia con quelli di Caruso e Casarini assolti per “aver commesso il fatto”!
    GRANDISSIMAAAAAAAA GIUSTIZIA IN ITALIA!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: