Vivere senza internet si può. A volte fa quasi bene…

Pensavo sarebbe stata più dura del previsto…in realtà vivere senza internet si può.
Certo, il prurito alle mani è al solito irrefrenabile, ma non potendo ancora sfruttare una connessione alla rete (visto che Tele2 mi ha staccato da Tiscali e che Telecom ancora non si fa viva) mi sono occupato di me stesso più che in altri periodi della mia vita.
Non è un momento facile.
L’università, la mia fidanzata, il mio futuro…sono tutti pensieri che mi rendono più distaccato del solito rispetto ai più superficiali temi politici.
Onestamente, si può benissimo riassumerli tutti così: che schifo! e dovrebbe addirittura bastare per qualche altro mese.
La politica affonda, l’antipolitica divora il consenso e a vincere è un profondo sentimento d’insoddisfazione e smarrimento che non fa altro che peggiorare le cose.
Una società al ribasso. Ecco cosa succede. Non servono tante parole. I politici si disinteressano dei veri bisogni dei cittadini e gli elettori, di conseguenza, cominciano non più a disisnteressarsi dei politici (motivo per cui oggi siamo ridotti così male – perchè è stato loro permesso tutto nel silenzio più totale della generalità), ma, peggio, a trovarli insopportabili.
Un tutti contro tutti e contro tutto che nonostante tutto (scusate il rigirìo di parole e l’allitterazione della lettera TI) provoca immobilismo, paralisi e nemmeno una soluzione all’orizzonte.

Dunque, tornando a me…
Ogni tanto si sente il bisogno di fermarsi un attimo e fare il punto della propria vita.
Difficilissmo.
Scrutarsi davvero nell’intimo comporta un’estrema sincerità (e chi non tende piuttosto a giustificar tutto??!! per sè stesso???!!!) e la capacità di rimanere in silenzio per qualche tempo (ma sappiamo tutti quanto sia più facile rimanere distratti dai rumori che ci circondano).
Dove sono arrivato? Beh, direi che sto cercando di ritagliarmi alla fine della giornata uno spazio di riflessione come mai prima d’ora ero riuscito a fare.
Avete presente quando uno dice che prima d’addormentarsi fa un esame di coscienza?
Ecco…io sono parecchie notti che non dormo!!!
No…non ho ucciso nessuno.
Ma ho per troppo tempo lasciato che la mia vita mi sfuggisse di mano. Il che, forse, è pure peggio.

Ora son qui per ritrovarmi il più in fretta possibile, recuperare le redini del mio futuro e rimettermi in pista alla grande.
Per questo non sono così disperato se non posso usare internet e il mio blog è fermo da più di due mesi.

Oggi sono in facoltà e ho trovato qualche minuto per raccontarvi questi miei pensieri, ma credo sia scaduto il tempo a mia disposizione.
Torno a studiare.
Sperando, ovviamente, che qualcuno si degni di portarmi il promesso modem router e una nuovo la connessione…così pian piano potrò riprendere anche il filo dei miei pensieri sul mio blog.

Saluti…e a presto!

Annunci
Comments
12 Responses to “Vivere senza internet si può. A volte fa quasi bene…”
  1. Salo ha detto:

    Pensatore, quanto ti capisco…sono in una situazione molto simile alla tua.
    Un abbraccio

    Saluti occidentali

  2. Gwath ha detto:

    Non sono io che ho detto mafioso. Caro Emulo fai pena.
    Ti riduci a prendere il mio nick per screditarmi. Non hai neanche il coraggio di affrontarmi e ti riduci a queste bambinate. Complimentoni.

    E complimentoni anche a Il Solito per la profondità del commento. Voi comunisti avete sempre delle argomenti intelligenti e densi di contenuto….
    Continuate così, bravi….

  3. Gwath ha detto:

    Mafioso.

  4. Il solito ha detto:

    Sei il solito fascista mafioso!

  5. Gwath ha detto:

    Non devo fare io l’avvocato del possessore del Blog, ma è ovvio che le tue sono posizioni gratuite, e anche poco intelligenti.

    – Il “chi sono” serve a sapere con chi ho a che fare, ovvero “chi dice cosa”.
    Senza questo presupposto tutto sarebbe anonimo e quindi privo di spessore.

    – Veniamo alle “cose intelligenti”: chi sei tu per giudicare cosa è intelligente e cosa no? Pensi di essere più intelligente? Questa tua asserzione è gratuita.

    Lascia che siano gli altri a giudicare. E se hai qualcosa da dire parlane commento per commento, discussione per discussione. Altrimenti queste sono solo chiacchere.

  6. Mario ha detto:

    Il 99% dei blog su internet sono scritti da gente che vorrebbe avere qualcosa da dire, ma non ce l’ha.
    E’ facile riconoscerli, basta controllare che ci sia la foto dell’autore nel “chi sono”. Narcisismo puro. E inutile, perchè non dici nemmeno cose intelligenti.

  7. ilsenatore ha detto:

    “una società al ribasso”. Ecco, il periodo che stiamo vivendo si può riassumere in questa tua definizione perfetta.

    Spero tu possa tornare a scrivere presto, complimenti per il blog.
    ciao

  8. Gwath ha detto:

    Non ti curar di loro, ma guarda e passa.

    Per i comunisti (o per quelli in generale di sinistra), l’unica forma di “moderazione” che conoscono è: quella di criticare la sinistra rimanendo di sinistra; il loro “revisionismo”, ma che di fatto non revisona proprio nulla. Su questa base loro credono di avere la vera moderazione e una superiorità morale.

    Non concepiscono che qualcuno possa pensarla diversamente da loro, e che moderatamente esprima il suo pensiero. Sono accecati da un sogno che non vogliono accettare che sia finito, e che “di fatto” non si è mai realizzato (e mai si realizzerà).

    Ma invece di capire che è l’ora di svegliarsi, si appoggiano al contrario ad una sorta di pseudo-Robespierre che minaccia tutto e tutti.

    Questa è la superiorità morale della sinistra.

    Non so se condividerai quello che ho scritto, ma sappi che quello che scrivi tu io lo condivido. E contrariamente a quello che i “moderati” di sinistra dicono, tu sei moderato (anche perchè io sarei stato ancora più duro).

    Buona fortuna anche per il resto. Spero che tutto si risolva per il meglio.

    Slauti.

  9. ilpensatore ha detto:

    antonio, guardo pochissima tv e quando la guardo sono consapevolissimo della sua inaffidabilità, in quanto lottizzata.
    al contrario di te, però, la mia percezione è che sia tenuta per le palle dalla ragion di stato comunista, o comunque progressista o come diavolo la vuoi definire tu.

    di Berlusconi e Dell’Utri si sa tutto…e allora? si può ragionare anche su quelle questioni, ma la cosa diventerebbe parecchio lunga e in ogni caso ha un sapore stantio.
    ricordati solo che ciò che è palese, e fa schifo, potrebbe non fare più schifo di ciò che invece è celato, ma reale.
    insomma, guarda a sinistra…poi ne riparliamo!

    non sarai mica uno di quelli che credono nella superiorità morale dei comunisti?
    mi viene in mente la pubblicità della continental: supremazia…morale…comunista…

    ma daaaaai…

  10. antonio ha detto:

    Senza rancore, ma leggendo il tuo blog, mi sembri tutto tranne che moderato, dici che è meglio lasciar perdere internet, tu come ti informi con la tv lottizzata? Io penso proprio di si.
    Sai anche Dell’ Utri e Berlusconi facevano giurisprudenza, poi sono diventati mafiosi, non seguire il loro esempio,naviga un po di più e butta la televisione, fidati aiuta.

  11. Chris ha detto:

    In bocca al lupo.

  12. polis ha detto:

    Vorrei segnalarvi il blog Polis sulla politica all’indirizzo http://www.polisfs.blogspot.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: