No alla pena di morte, ma…se un secondino dimenticasse aperta qualche “gabbia”…

Siamo tutti d’accordo che la pena di morte sia atto terribile e inumano e che quindi non possa essere accolto in un sistema di diritto come il nostro, che al contrario eleva la vita al primo posto dei diritti naturali e inviolabili della persona umana.

Ma…c’è un ma!
E questo “ma” torna sempre alla mente e sulla bocca di tutti quando veniamo a conoscenza di crimini balordi come chi li commette: chi tocca i bambini, o uccidendoli o abusandone sessualmente, ai nostri occhi diventa un mostro come un Hitler o uno Stalin qualsiasi, un reietto della società che se solo lo avessimo sotto mano sapremmo noi come farne giustizia!
E a chi non si è lasciato sfuggire che per questi orrori dei nostri tempi non sia più che meritevole la punizione suprema?!

Solo uno sfogo, forse…un raptus di rabbia che ci coinvolge e sconvolge.
Poi torna il sereno nel nostro cuore e rinsavendo riconosciamo tutti l’inutilità umana  e giuridica della pena capitale; dunque la rimettiamo nel nostro cassetto dei pensieri alla voce “cattiverie” e nascondiamo di nuovo la chiave.

Il solo essere stati sfiorati da questa idea però, la dice lunga su quale sia la considerazione che la collettività ha di questo tipo di reati: giuridicamente parlando, quindi, sembrerebbe davvero inimmaginabile una futura riconciliazione della comunità con quei mostri! così come non parrebbe nemmeno tanto utile sbattere in carcere questi rei che, pur visti marcire, susciterebbero in ognuno di noi la certezza che il tutto abbia il sapore amaro della farsa che si svolge a carico degli onesti cittadini (costretti a pagare tasse anche per stipendiare e mantenere criminali d’ogni risma), costretti pure a rimanere sconcertarli per la mancanza di ogni certezza del diritto e di cervello di certi giudici e pm pronti a scarcerare chiunque il prima possibile, col pretesto di far posto nelle carceri ultra affollate!

Messe così le cose, quasi quasi non ci si stupirebbe se qualcuno ci dicesse che essendo rieducazione e riabilitazione (le due principali funzioni della pena) inattuabili ai casi di pedofilia (dato il disprezzo che provocano nei cuori dei concittadini e della impossibilità di “curare” simili deviazioni sessuali e mentali – dalle quali non credo si guarisca) l’extrema ratio, l’unica praticabile efficacemente, fosse proprio quella pena di morte contro cui è inevitabile che il nostro spirito si ribelli!

Come detto, però, i valori che come società abbiamo interiorizzato son difficili da tradire.
Eppure rimane quel livore, quella rabbia, quell’odio viscerale verso  quei mostri che toccano i bambini e sarà sempre presente l’idea che…se non fosse per la nostra fortezza morale, la morte sarebbe davvero il giusto premio per i loro crimini…

Ecco perchè m’è venuto in mente che forse una soluzione ci sarebbe…un po’pilatesca, ma nemmeno tanto terribile…
E se per caso un secondino dimenticasse aperta qualche “gabbia”???

Si sa come vanno queste cose, ma al tempo stesso nessuno ne sa niente…
Nessuna pena di morte, ma forse così la giustizia si abbatterebbe comunque su di loro…con buona pace di tutti e con nessuno che storcerebbe il naso! …credo!

Annunci
Comments
6 Responses to “No alla pena di morte, ma…se un secondino dimenticasse aperta qualche “gabbia”…”
  1. ilpensatore ha detto:

    ci vai pesante, Rigel…

    io non sono favorevole alla pena di morte, ma posso provare a capire il punto di vista di chi potrebbe non scandalizzarsi alla sua reintroduzione.

    buona giornata anche a te..

  2. rigelbetaorionis ha detto:

    Io non avrei nessun problema di coscienza se venisse approvata la pena di morte per reati di mafia. Se mai accadrà organizzerò una festa. Stapperò un bottiglia di champagne!! Loro uccidono, spaventano, massacrano, rovinano vite di intere famiglie proprio perchè sanno che dall’altra parte della barricata il “nemico” ha deciso di non utilizzare lo stesso comportamento ai loro danni. Un bel colpo in testa a ‘sti figli di puttana, vigliacchi e parassiti. Ma che soddisfazione!! E se qualcuno viene a dirmi che, nonostante la pena di morte, i reati di mafia non diminuiscono rispondo che, in ogni caso, la soddisfazione di avrer tolto di mezzo uno che, in vita, avrebbe fatto solo tanto male al prossimo è impagabilmente attraente e piacevole. Se lo scopo della tua vita è quello di schiacciarmi e abusare di me allora ben lieto di poter pensare e dire…Morte tua Vita mia. Sarebbe bellissimo! Sono di sinistra e credo in Dio (con qualche piccola riserva su quanto ci è stato riportato da chi ha interpretato la sua parola).
    Buona giornata.
    Rigel.

  3. ilpensatore ha detto:

    Cesare è abbastanza lampate che il mio post sia un concentrato di estemporaneo livore nei confronti di un crimine e di criminali che hanno toccato degli “innocenti”!

    il linciaggio non è poi così inusuale all’interno delle carceri…ci scappa sempre una bella scazzottata tra galeotti!

    ecco…dico solo questo, a mo’ di provocazione, ma non credo di aver proposto il linciaggio come forma di giustizia da codificare!

    e non c’entra destra o sinistra…

    ne sento tante di persone “di sinistra” che fanno discorsi da nazista…addirittura…

  4. Cesare di Transo ha detto:

    sono incredulo: un pensiero veramente profondo …. ci avrai messo anni e anni ad arrivarci: il linciaggio come unica soluzione in un mondo che ha perso quasi tutti i “valori” del passato …. e la cosa clamorosa è che nessuno di “voi” di destra si vergogna, che speranze possiamo allora avere in una realtà migliore ? aspetto spiegazioni, credo (e spero) di non aver capito

  5. ilpensatore ha detto:

    gabbia nel senso di prigione, all’interno del carcere…succedono parecchi incidenti nelle patrie galere…

  6. Miguel ha detto:

    Scusa ma non ho proprio capito cosa intendi per “gabbia” .. Dici lasciarli scappare e darli in pasto alla gogna del popolo?!!?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: