Due parole su Gino Strada.

“Noi non chiediamo ai feriti che arrivano nei nostri ospedali da che parte stiano, sarebbe una follia scegliere di curare gli amici e lasciar morire i nemici; anche perchè Emergency è sempre rimasta neutrale tra le forze in campo”. […] Certo non abbiamo rapporti con i militari: non vogliamo commistioni. […] Oggi assistiamo all’assurda offensiva della Nato che bombarda e ai rastrellamenti dell’esercito afgano per le vie delle città: i nostri ospedali sono pieni di civili. Abbiamo anche dovuto estrarre dalla mascella di una madre il proiettile che aveva trapassato la testa del figlioletto che teneva in braccio”.

Questo, il Gino Strada pensiero, come è stato esplicitato ieri sera, da Fazio, a “Che tempo che fa”.
Non nascondo di essere stato percorso da brividi gelati nel sentire simili ragionamenti.
Che in pratica, tra luoghi comuni e commoventi luogo comunismi, vogliono dire questo: gli americani stanno facendo una carneficina di civili e portando avanti una stupida e inutile guerra in cui a rimetterci sono persino le mamme e i bambini.
Ovviamente a lui la guerra gliela raccontano i feriti che si presentano agli ospedali di Emergency (dove giustamente i medici che meritoriamente vi operano fanno un gran lavoro, di cuore prim’ancora che di mano!).
Già, peccato che proprio il fatto che, come dice lui, non si chieda la squadra in cui giocano, impedisce di avere una descrizione oggettiva dei fatti: anche perchè, quello Talebano non è un esercito regolare, con tanto di divisa e mostrine di riconoscimento; ergo, mi chiedo come faccia il dottor Strada a sapere se chi gli parla sia vittima sul serio o sia vittima solo di facciata e in realtà nasconde il suo essere carnefice. Mi piacerebbe anche sapere come fa il dottor Strada, che non chiede la fazione d’appartenenza, a sapere chi ce li manda all’ospedale quei feriti, se gli americani o i talebani stessi che usano confondersi e farsi scudo tra i civili e non ne rispettano granchè la fratellanza, visto che ne fanno saltare a vagonate di concittadini indifesi; compresi madri e fanciulli.

Insomma: perchè un uomo che tanto fa per il prossimo deve poi scadere trasformandosi in un propagandista della peggior specie?…quello che fa finta di non capire!

Restano infine, da citare le sue dichiarazioni circa la vicenda Mastrogiacomo: in sintesi, il succo è che il governo italiano, quindi Prodi e d’Alema (di cui a malincuore e con una evidente sofferenza si fanno i nomi usando interminabili perifrasi – ma lo capiamo, è sempre dura dare addosso agli amici) sapevano tutto eccome e furono proprio loro a trattare col governo di Kabul la liberazione dei terroristi che i rapitori avevano chiesto di riabbracciare.

L’ennesimo motivo per dire: che governo ridicolo! Oltretutto, per chi non se ne fosse reso conto, dalla geniale trovata dei nostri “negoziatori” ne abbiamo ottenuto che adesso chiunque venga rapito sia fatto oggetto di baratto con altri di quei loschi personaggi che tanto ci si affanna a metter dietro le sbarre. Ma per alcuni, si sa, non sono terroristi, bensì resistenti…e come dargli torto…di esser resistenti lo sono…alla logica e alla dignità umana, ma pur sempre resistenti sono!

Buona Domenica.

Annunci
Comments
10 Responses to “Due parole su Gino Strada.”
  1. ilpensatore ha detto:

    beh, l’ONU credo abbia ormai perso ogni credibilità!
    detto questo, alle nazioni unite fioccavano quasi ogni mese risoluzioni contro il regime di Saddam, ovviamente non ottemperate!
    poi vi fu l’attacco americano, sfruttando una risoluzione non soddisfatta, ma al tempo stesso senza il consenso degli altri membri!
    poi però arrivarono ben 2 risoluzioni…

    sulla bomba atomica, scusa, ma c’è una piccola differenza: gli stati democratici sono un conto; quelli retti da tiranni sono tutt’altro…
    il pericolo è ben diverso!

  2. Miguel ha detto:

    Sì sì tutte cose giuste quelle che dici: ma il problema sta proprio alla base ..
    Innanzitutto per l’Iraq non c’è stata nessuna risoluzione ONU, per cui nessuno ci ha chiesto formalmente aiuto .. E poi mi sembra strano, assurdo andare ad aiutare della gente con noi (mondo occidentale) che fino all’altro giorno li abbiamo sfruttati e usati per i nostri scopi ..

    Per di + (aggiungo) con una bomba atomica sotto il culo che possiam far partire quando vogliamo .. Ripeto: “io USA ho la bomba atomica anche per scopi militari e tu Iran non puoi iniziare esperimenti neanche per motivi civili” .. Uhm .. Se questa non è una presa per i fondelli?!?!?

  3. ilpensatore ha detto:

    va bene Miguel, non dobbiamo per forza vederla alla stessa maniera!
    ma indipendentemente da tutto, io credo fortemente nell’idea che se vi sono popoli in difficoltà bisogna in qualche modo sostenerli!
    economicamente è un po’ inutile, visti i risultati finora raggiunti, con sceicchi e generali satrapi sempre più ricchi e civili sempre più poveri e per giunta massacrati!

    quando c’è invece bisogno di mobilitarsi…meglio farlo che stare a guardare con la pancia piena dell’ultimo pranzo davanti al tg!

    poi, gli USA si occupano della ricostruzione? beh?! lo facciamo anche noi e lo fanno anche tutti gli altri paesi che si impegnano nel dare un aiuto!
    ci guadagnano le imprese come la caterpillar?…credo ci guadagnino pure gli afgani!

  4. Miguel ha detto:

    Dunque per favore non tiriamo fuori il discorso dei regimi ..
    Con tutti i soldi spesi per Afghanistan e Iraq sai quanti aiuti si potevano mandare in Africa e Asia per salvare delle vite?!? .. Quindi bando ai finti moralismi.

    Secondo: ammesso anche che tu creda che gli Americani ci siano andati per aiutare le popolazioni (con Bush sostenuto dai più grandi produttori di armi e società di ricostruzione, v. Caterpillar), con che faccia ci vanno questi paesi?!? .. Della serie: “Io America posso avere la bomba atomica (e anche usarla, vedi Hiroshima e Nagasaki), tu invece non puoi farci un bel niente con l’atomico .. Io America posso usare le tue genti per liberare l’Afghanistan dai Russi, ma poi vengo io, spacco tutto e ricostruisco con le mie aziende e tu devi solo ringraziare perchè le mie bombe sono intelligenti .. ” No dico io: ti sembra un discorso sensato!?!?! Non tiriamo fuori poi i legami tra terrorismo e quei paesi che di dossier sensati io ne ho visti ancora ben pochi ….

  5. ilpensatore ha detto:

    si si…davvero un bel libro quello! dunque il pacifismo si riassume sostanzialmente in un “non-fare”…e chissenefrega di quello che succede al di fuori dei nostri confini!

    e poi, non credo siano tutti d’accordo coi regimi cui sono sottoposti, solo che, come in Italia e in Europa ai tempi del nazifascismo, le minoranze vivono nell’ombra e…non per niente si definiscono minoranze…perchè sono in pochi, ma quei pochi combattono per una giusta causa e quella causa va sostenuta.
    ergo, i paralleli alla seconda guerra mondiale non sono poi così campati in aria.

    non si tratta comunque di democrazia da esportare, ma di libertà di un popolo da chi lo sta opprimendo! che poi scelgano il modello democratico è una conseguenza logica, altrimenti vi sarebbero comunque minoranze che combatterebbero per esso e sarebbero altrettanto meritevoli di aiuto tanto quanto i partigiani degli anni 40!

    non trascurare comunque un piccolo particolare: quei paesi erano guidati da regimi che, armi di distruzione di massa a parte, sostenevano il terrorismo e non solo contro l’America! quindi…

  6. Miguel ha detto:

    Uhm … A me il libro “Il vizio oscuro dell’Occidente” mi ha illuminato, sostanzialmente dice questo: lasciamo i popoli liberi di auto-determinarsi! .. Se in Iraq o Afghanistan vogliono quello lasciamoglielo, non facciamo i paladini della Democrazia con dietro le industrie di armi, petrolio e di ricostruzione a spingerci e votarci (vedi Bush). La Democrazia NON si può esportare, è un lento processo a cui un popolo può o meno arrivare, ma non è un OBBLIGO che dobbiamo imporre a qualcuno.

    Non fatemi per favore l’esempio dell’Italia nella Seconda Guerra Mondiale perchè era TUTTA un’altra cosa: c’era già un movimento molto radicato (i partigiani) che stavano combattendo i fascisti e i RUSSI e gli AMERICANI ci sono venuti in soccorso, ma solo con una base di cittadini già molto ben organizzata!!!

  7. ilpensatore ha detto:

    mio Dio, Liberovero…mi tocca stropicciarmi gli occhi e le orecchie a leggere il tuo commento!

    se pensi davvero che i Talebani siano le anime brava dell Afghanistan allora non c’è nemmeno un motivo per cui io ti risponda!

    quello che invece ti dico è quello che penso in merito alle cose che succedono al di là delle mie brache: in Sudan si massacrano, in Serbia si massacravano, in Ruanda si massacrano, in Afghanistan i fondamentalisti fanno saltare in aria frotte di persone intente a cercare lavoro o che semplicemente provano a vivere normalmente, in Iraq c’erano sistematiche fucilazioni…e in moltissime altre parti del mondo funziona così: ma tu ce la faresti a rimanere inerme di fronte a questi scempi?

    un’ultima cosa: forse per te sarà presunta, ma se permetti la nostra è una civiltà superiore, ma non ti parlo del livello tecnologico o di benessere raggiunto (che pure ne sono un indice), bensì mi riferisco alla capacità dell’occidente di pacificarsi, rialzarsi e vincere le battaglie più importanti della storia…oggi siamo un popolo cui non manca niente, nemmeno i diritti di cui un tempo si sentiva la mancanza!
    ecco…la nostra non è una presunta superiorità…ma lo è di fatto! non c’è ipocrisia nei nostri atteggiamenti! seppure carichi di problemi ancora da risolvere, la strada che abbiamo percorso fin qui attesta quanto la nostra civiltà abbia saputo accrescersi…cosa che purtroppo, altri non sono riusciti, perchè non lo hanno voluto, fare…

  8. liberovero ha detto:

    “quello Talebano non è un esercito regolare, con tanto di divisa e mostrine di riconoscimento”

    quando però combattevano con i russi lo erano? altro che se lo erano per gli Usa…
    i partigiani, che poi li hanno definiti i padri della patria avevano divise?
    non mi risulta.

    “Che in pratica, tra luoghi comuni e commoventi luogo comunismi, vogliono dire questo: gli americani stanno facendo una carneficina di civili e portando avanti una stupida e inutile guerra in cui a rimetterci sono persino le mamme e i bambini.”

    non è forse vero che americani e nato stanno facendo carneficine di massa in nome della democrazia? Esportare la democrazia col suangue pone gli usa e alleati ad un livello più basso dei talebani.

    quali Talebani fanno simili carneficine di massa?
    Lasciamo i Talebani nella loro terra, perchè è la loro non la nostra, e impariamo a difenderci dalla nostra stessa ipocrisia e prusunta superiorità civile

  9. ilpensatore ha detto:

    non ho giudicato nè commentato.
    ho solo detto che finchè fa il suo lavoro, Strada è un uomo assolutamente mirabile; quando invece vuol fare il capopopolo sottuttoio del pacifismo…sbaglia alla grande!

  10. devilmanga ha detto:

    non credo che nè io nè tu possiamo commentare, e non sto dicendo criticare ma soltanto commentare, il lavoro di Gino Strada.
    Non siamo degni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: