Non ci voleva un genio per capirlo!

Il principio per cui gli effetti delle politiche economiche si possono apprezzare solo dopo qualche tempo, fisiologico, era già ben comprensibile dal cosiddetto “uomo della strada”. Era semmai sorprendente che a far finta di non capire fossero i politici politicanti, i professoroni di rango e gli intellettualoidi dei nostri stivali, che pretendevano, contro ogni logica, di accreditare la ripresa economica del Paese a chi non aveva fatto niente nel passato recente e manco avuto il tempo di organizzare il presente. Del decreto Bersani di luglio o della finanziaria non si può certo dire abbiano a che fare col dato complessivo dell’anno 2006, dato che gli effetti di detti provvedimenti hanno riguardato l’ultimo trimestre del 2006 il primo, appunto e addirittura il 2007 il secondo!

Ovvio che a questo punto chiunque poteva confermare la più scontata delle realtà: Prodi e compagni hanno ben poco di cui vanagloriarsi!
I conti parlano chiaro:
da Il Giornale di oggi (6/03/2007)

[…] gli effetti della manovra di luglio Prodi-Visco-Bersani hanno causato nell’ultimo trimestre 2006 un calo degli avanzi del fabbisogno, un minore incremento delle entrate, e infine un minore incremento del Pil (Prodotto interno lordo) di soli 0,2 punti cioè un terzo rispetto alla media dei nove mesi precedenti, che era stato dello 0,6% al trimestre. Dato poi confermato dall’Istat nei giorni scorsi quando ha segnalato, sempre nell’ultimo trimestre, un rallentamento della produzione rispetto ai primi nove mesi. […]  Il fabbisogno è calato di 25 miliardi a settembre (fonte: Relazione provvisionale di ottobre) per restare inalterato a dicembre (sempre 25 miliardi). Le entrate tributarie sono aumentate: di 16 miliardi nel primo trimestre, di 9 nel secondo e di altri 9 nel terzo e fanno 34 miliardi nei primi nove mesi. Ma a dicembre sono soltanto 36: l’aumento di soli 2 miliardi: è un sesto dei trimestri precedenti ed è l’effetto Visco-Bersani. Una seconda conferma del blocco imposto nel quarto trimestre viene pure dai dati del Pil: tralasciando per comodità i presunti debiti per la sentenza Ue sui rimborsi della Iva sulle auto e la copertura del deficit delle Ferrovie inseriti in ritardo nel bilancio 2007, il deficit sul Pil ordinario si ferma a 1,9. Si era fermato a settembre a 1,7 (fonte: Istat: 0,8 nel primo trimestre, 0,6 nel secondo e 0,3 nel terzo trimestre: fanno 1,7 a settembre), quindi nel quarto trimestre è aumentato solo di 0,2 punti: ossia un terzo della media dei primi nove mesi. La terza conferma è venuta venerdì con i segnali della produzione industriale, pure essa calata nel quarto trimestre rispetto alla media dei primi nove mesi. Tant’è vero che nessun analista governativo ha avuto il coraggio di commentarli. […] Ribadiamo i concetti. Lo sforzo impresso dal governo Berlusconi-Tremonti ha dato i frutti nei primi nove mesi perché il decreto Bersani di luglio, approvato a settembre, ha dato i suoi effetti solo a partire da ottobre. E i risultati si sono visti; il merito delle maggiori entrate è dovuto soltanto ai tributi sui redditi del 2005 e sugli acconti del 2006 ma calcolati in percentuale sui redditi del 2005; le misure antievasione, che Visco misura adesso in 2,4 miliardi, non possono essere frutto di attività svolte nel terzo trimestre per la semplice ragione che, lo sanno tutti, le verifiche comportano i pagamenti quando va bene almeno un anno dopo, non un anno prima; che la tax compliance, calcolata da Visco in 9,8 miliardi, sia merito suo è una frottola colossale perché da gennaio a settembre i suoi decreti erano inefficaci: non c’erano ancora! E da ottobre a dicembre, quando si pagano gli acconti di novembre sui redditi e dell’Iva a dicembre, il maggior introito è stato di soli 2 miliardi: meno di quelle che il governo cita come «misure antievasione»! Da quale buco salta fuori la tax compliance, cioè versamenti volontari in più rispetto al dovuto fatti dai contribuenti evasori?

Diamo a Cesare quel ch’è di Cesare…e restituiamo a Tremonti quel che s’è rubato la coppia Visco-Schioppa!

Annunci
Comments
4 Responses to “Non ci voleva un genio per capirlo!”
  1. giovanni falcone ha detto:

    FINANZIARIA 2007
    … capolavori in corso…

    E’ passato appena qualche mese dalla definitiva approvazione della Legge di bilancio per l’anno in corso, un unico articolo con circa 1500 commi ma pur tuttavia, da qualche giorno non si parla d’altro..

    E’ stata una legge contenente una tale mole di novità, i cui effetti, non ancora del tutto chiari, si vanno delineando già dalla lettura delle buste paga dei lavoratori dipendenti dei primi mesi del nuovo anno. Sono gli effetti nefasti della nuova tassazione dove, con l’addio alle “deduzioni” (riduzione del reddito tassabile in proporzione al numero delle persone a carico e/o altri oneri deducibili di varia natura), il numero dei figli a carico diventa un optional.
    In altri termini, a parità di reddito, la “base imponibile” del single, è perfettamente uguale a quella del padre di famiglia con cinque pargoli e, ancora per poco, di una sola moglie a carico.

    Ad un aumento generalizzato della tassazione per redditi superiori ai 40.000,00 euro, si è cercato di ridurre il carico fiscale per redditi medio bassi posti al di sotto della citata soglia, nell’ottica di perseguire una maggiore equità e giustizia fiscale, promosso con lo slogan “…Anche i ricchi piangono…”.

    Nello stesso tempo, attraverso numerosi tagli ai trasferimenti di risorse agli Enti locali (Regioni, Province e Comuni), è stata data la facoltà a questi ultimi, di recuperare attraverso le “addizionali” sul reddito dichiarato dai cittadini, in applicazione, si è detto, del tanto sbandierato “Federalismo fiscale”.

    I primi effetti si stanno vedendo. L’appetito delle Amministrazioni locali non è da meno di quella dello Stato centrale. Nessuno pensa a tagliare le spese, ridurre gli sprechi, le inefficienze. E’ una corsa all’introduzione di nuovi balzelli.
    Allo stato dell’arte, oltre la metà dei circa mille Comuni italiani che hanno deliberato la nuova addizionale, ha propeso per un aumento che, nella realtà, ha finito per azzerare quasi del tutto i modesti benefici fiscali introdotti dalla Finanziaria per i redditi medio bassi.

    Il Capolavoro non è ancora concluso. Gli effetti finora visti, per quanto abbastanza chiari e particolarmente onerosi, soprattutto per i meno abbienti, non hanno ancora espresso il massimo!!!

    Un autentico Capolavoro, come ogni Opera d’arte, lo sappiamo bene…ha bisogno del suo tempo, non solo per realizzarlo ma, ci dicono, anche per essere digerito.

    Intanto dobbiamo aspettare il 31 marzo per vedere quante Amministrazioni locali delibereranno aumenti impositivi delle rispettive addizionali, restando in attesa di vedere all’opera la “Tassa di scopo”, dove viene data la possibilità di vincolare una nuova tassazione ad una finalità predeterminata di interesse pubblico (la realizzazione di un asilo comunale, il rifacimento di una strada, una qualsivoglia infrastruttura etc.).

    Né possiamo dimenticare poi gli effetti che avrà sull’Imposta Comunale sugli Immobili (meglio nota come ICI) la riclassificazione dei relativi estimi catastali di tutto il parco immobiliare esistente sul territorio che, aumentandone il valore, ne determinerà, come diretta conseguenza, un aumento esponenziale dell’imposta.
    La Finanziaria 2007, sarà ricordata oltre che per l’enorme numero di commi, soprattutto per la incidenza sulle tasche degli italiani, ovvero di tutti coloro che producono un reddito nel territorio della Repubblica.

    Se da un lato abbiamo intravisto una particolare generosità verso “evasori incalliti e condannati” (1), dall’altro, abbiamo apprezzato il particolare appetito della mano pubblica nell’aumento sconsiderato della tassazione che, più di prima, sembra interessare tutte le categorie sociali.

    Allo stato, non so se davvero i “ricchi piangeranno”, sono invece assolutamente certo che piangeranno (o rimpiangeranno…) coloro i quali vivono a reddito fisso, ovvero il 70% degli italiani.

    In ogni caso, continuo a sentire che questa Manovra di bilancio non è stata compresa a sufficienza, laddove, si dice, conterrebbe innovativi elementi di giustizia ed equità.

    Forse è vero negli obiettivi!! Un po’ meno nei risultati.

    Questo è il CAPOLAVORO, peraltro non ancora concluso…chi si contenta gode!!!

    Non so voi, ma io, personalmente, non godo affatto.

    Bari, 23 febbraio 2007

    (1) “Clemenza Fiscale”

    http://www.giovannifalcone.it
    info@giovannifalcone.it

  2. ilpensatore ha detto:

    Ciao Monica…

    grazie per i complimenti, ma la scelta…diciamo così…è obbligata tra quei pochi template preimpostati…comunque…l’importante ogni tanto è rinnovare!
    come ad esempio sarebbe carino rinnovare il Parlamento e la totalità della classe dirigente italiana!

    intendiamoci, meglio di Prodi ci son tutti, ma forse la CdL, in questo momento, non è effettivamente (come diceva Fassino, sob) un’alternativa!
    purtroppo…

  3. monica ha detto:

    Dunque…o sono in buona fede (allora non hanno le capacità) o sono in malafede (allora non possono governare un Paese).
    In entrambi i casi non servono, anzi danneggiano.

    Una Manovra lacrime e sangue del tutto inutile…infarcita di bugie non solo ai loro elettori ma anhe all’altra metà dell’Italia.

    Pessimi.

    Ciao

    ps. Complimenti per la nuova veste grafica!

  4. VascoBlog ha detto:

    Caro Blogger,
    non trovando una mail alla quale risponderti,
    e volendo proporti un servizio che
    probabilmente Ti interesserà,
    Ti chiedo di contattarmi a info@vascoblog.com
    Ciao

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: