Vicenza e dintorni.

Se per il problema violenza negli stadi si è preventivamente preferito chiuderli anche ai “buoni tifosi”, non capisco perchè mai non si potrebbe fare un ragionamento simile per le manifestazioni politiche ad alto tasso di pericolosità per l’ordine pubblico e per le forze dell’ordine; soprattutto nell’attuale contesto in cui si è potuto constatare la presenza di nuova linfa per quel terrorismo rosso che in troppi hanno fatto finta di credere morto e che spaventa per la sua rete di contatti proprio all’interno delle “associazioni” che si apprestano a sfilare a Vicenza giusto domani!

Per il bene di tutti…impediamo questa farsa ideologica e ci eviteremo violenze, non solo fisiche ma pure verbali!

Sarà pure esagerato ma ad ascoltare commenti, giustificazioni e addirittura tesi revisioniste e complottiste relative agli arresti delle ultime ore, il clima, a partire dalle stanze delle istituzioni, non è dei migliori: si rischia di fomentare l’odio nei confronti di chi la pensa diversamente e di indicare bersagli vecchi e nuovi da colpire!

Basta leggere o sentire le parole di politici di sinistra e di bloggers legati al mondo del massimalismo, fedeli o alleati dei vari Diliberto o Cento o Bertinotti che hanno trovato il coraggio di esprimere il proprio rispetto e la propria comunanza con le loro sciagurate tesi; basterebbe questo per non voler rischiare. Già troppe volte abbiamo ingoiato la solita minestra del “sono in pochi ma danneggiano i tanti”…NON è vero! chi sfila insieme a certa gente e ce li ha accanto e li sente o ne condivide le idee oppure abbandona il corteo…e invece… Invece i centri sociali si riempiono e l’estremismo va ancora di moda…soprattutto tra i giovani.

Sarebbe l’ora di far capire a lor signori che altre Genova o Napoli o Milano non siamo più disposti ad accettarle.
Siamo sicuri che siano così pochi ad essere “coglioni”? allora salviamo i “buoni” e neghiamogli l’umiliazione d’essere accumunati ai “cattivi”.

Domani non ci saranno esponenti del Governo nè della maggioranza moderata…ergo, saranno tutti lì a pensarla all’unisono contro l’America, contro il patto atlantico, contro l’Occidente, contro l’Italia troppo lontana dall’utopia comunista.

Perchè farci del male? Non bastano sempre le solite scuse…a posteriori…

Annunci
Comments
One Response to “Vicenza e dintorni.”
  1. raser ha detto:

    che proponi? il coprifuoco o lo scioglimento dei partiti non graditi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: