Sfiducia al governo: 157 no e 157 si. Ma è solo un sogno…

Per favore, non ditemi che non c’è niente di strano…
Non ditemi che non c’è niente di strano nel vedere concessa la fiducia al governo da parte di cinque senatori che non hanno avuto il mandato dagli elettori per tributare a quei 102 personaggi che stanno sul banco più alto del Parlamento di continuare a fare il loro mestiere!

Soprattutto oggi, che è obiettivamente riconosciuto da tutte le forze politiche quanto l’attuale maggioranza non sia in realtà più accettata dalla popolazione!
Non dico che sia sbagliato che i senatori a vita abbiano diritto di voto (non è questo il momento), ma forse (e qui sta tutta la mia critica!) non c’è tutta questa opportunità politica di accettarne i voti o, soprattutto, di festeggiare un risultato che, in condizioni “normali” (cioè senza quei 5 voti) avrebbe invece determinato una sconfitta pesantissima.

A questo punto le strade son due: si può far finta di niente (ed è quello che stanno facendo Prodi e compagni); oppure ci si può, nonostante tecnicamente il Senato abbia dato il suo “via”, prendere ognuno le proprie responsabilità politiche e agire di conseguenza!

Nel primo caso la credibilità, già abbastanza minata, si azzera definitivamente, dando l’impressione di essere una comitiva, anzi…un drappello paramilitare sceso a Roma come gli Unni per occuparla ed espandere il proprio potere!
Nel secondo caso, beh…capisco sarebbe la scelta più dolorosa, ma avrebbe tutto un effetto diverso sull’opinione pubblica, di fronte alla quale ci si potrebbe pure ripresentare come persone “serie” (oddio, sarebbe difficile pure questo, però…) e chiedere di nuovo la fiducia a chi veramente ha il potere sui parlamentari: il popolo!

E siamo sempre là…
…la sinistra quando si attacca a quelle poltrone non guarda in faccia più nessuno!

Fastidiosissimo…

Annunci
Comments
7 Responses to “Sfiducia al governo: 157 no e 157 si. Ma è solo un sogno…”
  1. ilpensatore ha detto:

    non hai tutti i torti, ma l’importante è che siano imparziali durante il loro mandato (Scalfaro è il perfetto esempio di come non debba essere gestita quella istituzione)!
    se ci pensi, tutti i presidenti hanno una loro storia politica e vengono da un partito e là tornano (se non nell’evidenza almeno in modo subdolo lo fanno).
    insomma: non è strano che alla fine del loro incarico tornino a prender posizione; è grave che lo facciano determinando l’esito o il cambiamento della situazione politica cui non appartengono (essendo non rappresentativi del popolo…)

  2. monarchico ha detto:

    Questa repubblica è ormai una barca che fa acqua da tutte le parti e ammetterai che l’occasione non mi manca …., giusto?

    Piuttosto non è strano che spesso si nasconde anche l’evidenza?
    Come si possa dire che i presidente della repubblica sono supertartes è un mistero repubblicano.

    ciao

  3. ilpensatore ha detto:

    ci provi sempre, eh, monarchico?
    credo, altrimenti, basterebbe evitargli la possibilità di votare la fiducia ai governi in carica…

  4. monarchico ha detto:

    anch’io nel mio blog ho scritto un post in merito.

    La finanziaria passata grazie l’apporto determinante di soggetti non eletti dai cittadini rappresenta, se non un vulnus, almeno una diminutio dei principi di rappresentanza democratica.

    Inoltre l’aiuto di ciampi cossiga e scalfaro conferma che in una repubblica non esiste un capo di stato superpartes.

    L’unico meccanismo che permetta ai capi di stato di sottrarsi ai giochi di potere tra maggioranza e opposizione è l’istituzione monarchica.

    saluti
    monarchico

  5. Cantor ha detto:

    Ciao Pensatore. Ho visto che mi hai messo nel tuo blogroll. Grazie. Ora ti restituisco la cortesia. Mi puoi scrivere una mail? dovrei chiederti una cosa su WordPress. Ciao.
    Cantor

  6. ilpensatore ha detto:

    grazie Monica…quella foto l’ho fatta a Londra, al museo delle cere! lì però ho notato una cosa: c’erano tutti, meno che Mussolini e Berlusconi…bah!

    per quel che riguarda la vicenda…che dire…gli mancava e hanno messo a segno pure questa!!

    un abbraccio

  7. monica ha detto:

    L’Italia è l’unico paese europeo ad avere una maggioranza che poggia su membri non eletti dal popolo…Visto che l’Unione è riuscita in un altro primato ?

    Ciao

    ps. carinissimo l’header!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: