Si stava meglio quando si stava peggio.

Ebbene sì: si stava meglio quando si stava peggio! Qui lo dico e lo confermo.
Preferivo lo smisurato e spesso ingiustificato ottimismo del Cavaliere, al triste grigiore con cui questo governo tecnico sta offuscando il futuro del nostro Paese.
Siamo passati dal “fare per crescere”, di berlusconiana memoria, all’odierno “meglio non creare aspettative” con cui Monti vuol giustificare le promesse non mantenute e nascondere i suoi fallimenti.
Oggi, l’ennesima beffa: o forse sarebbe meglio parlare di ennesimo ritorno alla realtà (per molti…non per me!). La lotta all’evasione non produrrà alcuno sgravio fiscale. E se qualcuno credeva che le province sarebbero state finalmente cancellate, beh…dovrà aspettare il prossimo professore, perchè nemmeno questo è stato capace di vincere la “casta”. In compenso, qualcuno potrà ritenersi soddisfatto dall’eliminazione di antichi privilegi di cui la Chiesa ha fino ad ora goduto.

Ricapitolando: l’economia italiana è in recessione. I consumi sono al minimo storico. La disoccupazione è a livelli insopportabili. La pensione, un miraggio. E nonostante tutto ciò, un’assemblea di presunti illuminati, che hanno di fatto commissariato la nostra democrazia, ha dedicato ogni suo sforzo a mantenere lo status quo, non prendendosi la responsabilità di tagliare i costi dell’amministrazione pubblica e vessando perciò noi cittadini con nuove tasse che stanno contribuendo ad aumentare il costo della vita.
Potevamo consolarci guardando in fondo al tunnel della crisi, ma ci hanno spento la luce. Niente candidatura alle Olimpiadi.
“Meglio non creare aspettative”…

About these ads
Comments
907 Responses to “Si stava meglio quando si stava peggio.”
  1. Nick scrive:

    Sapete com’è messo questo giornale in quanto a quattrini. Non facciamola lunga: abbiamo deciso di accettare le televendite.
    Gentilissime lettrici, cari lettori, ecco l’articolo che non può mancare in casa di ogni democratico: il SansonettiGonfiabile®. Sta comodamente in tasca o nella borsetta, è semplice e veloce: una piccola levetta aziona il getto di aria compressa ed ecco a dimensioni reali il SansonettiGonfiabile®. Comodissimo in società, durante i talk show, ottimo per le assemblee. Basta con la noia delle discussioni politiche! Quando avrete provato il SansonettiGonfiabile® vi chiederete: ma come ho potuto farne a meno fino a oggi? Viaggiate in treno con un chiacchierone di Forza Italia? Azionate subito il vostro SansonettiGonfiabile®, e lui gli darà ragione su tutto fingendo di contraddirlo. Alla fine voi avrete continuato a leggere senza seccature, quello di Forza Italia si sentirà intelligente, e il SansonettiGonfiabile® tornerà in tasca, pronto a un nuovo uso. Vi telefona un cronista de il Giornale? Niente paura! Azionate il vostro SansonettiGonfiabile® e passategli il telefono: egli non tarderà a dire che ha ragione Brunetta. SansonettiGonfiabile®! Come farne a meno? Lo ha voluto anche Silvio Berlusconi a Porta a Porta, ne è stato molto soddisfatto e ne ha ordinate due casse. Ricordate! Non uscite mai di casa senza il vostro SansonettiGonfiabile®! Comodo, utile, parla e scrive, senza bisogno di manutenzione e ora anche nella versione extralusso con i caratteristici capelli unti. SansonettiGonfiabile®. Nella confezione, due cd-rom con due linee politiche: «La sinistra fa schifo» e «Scusaci principessa». Per chi telefona subito, in omaggio i caratteristici occhiali fermacapelli e due biglietti per partecipare a Porta a Porta.
    Attenzione, non avvicinare al televisore, può esplodere quando la valvola dell’ego è sovraccarica.

  2. Nick scrive:

    Einstein’s second postulate was that the velocity of
    light is independent of the motion of the source. This
    is a hard one for our reason to swallow, for it means
    that nothing can travel faster than light

    Non si scappa !

    Sara contento cesare ? Che dite? Io dico di no .

  3. Nick scrive:

    Lincoln Barnett’s book represents a valuable con-
    tribution to popular scientific writing. The main ideas
    of the theory of relativity are extremely well presented,,,,,,

    lO DICE EINSTEIN , MA PER CESARE NON E’ SUFFICIENTE.

    Cesare è cretino ? Che dite ?

    ——————————————————————————

    Einstein’s second postulate was that the velocity of
    light is independent of the motion of the source. This
    is a hard one for our reason to swallow, for it means
    that nothing can travel faster than light
    , 186,000 miles
    a second, and that you cannot make light travel faster
    than that by giving it a swift send-off

    Fonte:
    Easy lessons in Einstein : a discussion of the more intelligible features of the theory on relativity .

    Pure questo qui presenta la prefazione di Albert Einstein e pertanto pure questo qui è divulgativo.
    Einstein scriveva:

    After the lamentable breach in the former interna-
    tional relations existing among men of science, it is with
    joy and gratefulness that I accept this opportunity of
    communication with English astronomers and physicists.
    It was in accordance with the high and proud tradition
    of English science that English scientific men should have
    given their time and labor, and that English institutions
    should have provided the material means, to test a theory
    that had been completed and published in the country of
    their enemies in the midst of war. Although investiga-
    tion of the influence of the solar gravitational field on
    rays of light is a purely objective matter, I am none
    the less very glad to express my personal thanks to my
    English colleagues in this branch of science ; for without
    their aid I should not have obtained proof of the most
    vital deduction from my theory

    Il libriccino piaceva a Einstein , e cesare è un cretino !

  4. Anonimo scrive:

    to popular scientific writing=divulgativo.
    Bravo Nick :D

  5. Nick scrive:

    Dove si dimostra definitivamente la cretinaggine di cesare…………………………………………..

    Partiamo da qui .

    This singular behaviour of moving clocks and yard-
    sticks accounts for the constant velocity of light. It
    explains why all observers in all systems everywhere,
    regardless of their state of motion, will always find that
    light strikes their instruments and departs from their
    instruments at precisely the same velocity. For as then-
    own velocity approaches that of light, their clocks slow
    down, their yardsticks contract, and all their measure-
    ments are reduced to the values obtained by a rela-
    tively stationary observer. The laws governing these
    contractions are defined by the Lorentz transforma-
    tion and they are very simple: the greater the speed,
    the greater the contraction. A yardstick moving with
    90 per cent, the velocity of light would shrink to about
    half its length; thereafter the rate of contraction
    becomes more rapid; and if the stick could attain the
    velocity of light, it would shrink away to nothing at
    all. Similarly, a clock travelling with the velocity of
    light would stop completely. From this it follows that
    nothing can ever move faster than light, no matter
    what forces are applied. Thus Relativity reveals
    another fundamental law of nature: the velocity of light
    is the top limiting velocity in the universe.

    Fonte: The universe and Dr. Einstein. Lincoln Barnett .

    Con prefazione di Albert Einstein che scrive:

    Lincoln Barnett’s book represents a valuable con-
    tribution to popular scientific writing. The main ideas
    of the theory of relativity are extremely well presented.
    Moreover, the present state of our knowledge in
    physics is aptly characterized. The author shows how
    the growth of our factual knowledge, together with
    the striving for a unified theoretical conception com-
    prising all empirical data, has led to the present
    Princeton, New Jersey.
    September 10, 1948

  6. Santoro scrive:

    Jo, quello che molti, compresi Caselli e Ingroia, non vogliono capire è che al di là di frequentazioni nell’ambito della cosidetta “zona grigia” da parte di Dell’Utri, i giudici dell’appello non hanno indicato alcun fatto su cui fondare la sentenza.

    Il procuratore Iacoviello ha detto “senza riferire una condotta precisa di cui incolparlo, ma solo additando le sue frequentazioni che, è già stato stabilito nella sentenza che ha assolto l’ex ministro Mannino, non sono un elemento di prova». (Il Collegio giudicante gli ha dato retta altrimenti non annullava la sentenza di Palermo)

    Ecco perché il procuratore ha parlato di reato indeterminato su cui non crede più nessuno.

    (quando i pm non sanno come incastrarti, buttano lì l’associazione e tu sei fregato. E’ un vecchio sistema).

    Non dare retta a Nick che è manicheo quando dice: “C’ è un modo efficacissimo per non “buttarne”. Non celebrare più processi, anzi abolire i reati”

    Si, è vero, a Palermo hanno coscientemente buttato via i soldi di tutti su un’azione persecutoria volta a dimostrare che la seconda repubblica era nata sull’inciucio con la mafia. I deliri dell’antimafia.

    Ripropongo sul nuovo post, così ravviviamo l’atmosfera.

    Ciao Jo.

  7. Nick scrive:

    Santoro,i fatti dicono che c’è stato l’annullamento quindi i soldi sono stati buttati .PUNTO.

    Ma quando si fanno processi i soldi si utilizzano (non si buttano) per accertare le cose.
    C’ è un modo efficacissimo per non “buttarne”.
    Non celebrare più processi, anzi abolire i reati.

    In questo modo lasciamo prosperare mafiosi e corrotti… e non “buttiamo” soldi in processi.
    Che dici. è intelligente la cosa?

    Vale anche per il ladruncolo che ruba in casa a te o a me..

    Le motivazioni dei giudici d’Appello non hanno convinto la Cassazione , che se avesse ritenuto che il processo era una perdita di tempo avrebbe potuto benissimo assolvere Dell’Utri.
    Hanno sbagliato i giudici di Appello e se si in cosa ? Ne potremo discutere quando avremo le motivazioni, non prima a meno di non avere doti divinatorie.
    Tutto qui .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Tieniti aggiornato: ISCRIVITI!


  • SOSTIENI IL BLOG!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 59 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: